Dà lavoro a 6 ragazzi rimasti a casa per il coronavirus (VIDEO)

Sofia Micheli, appena 24anni, di Crespino, gestisce una serra di fragole che sfrutta la tecnologia.

Sofia Miceli
Sofia Miceli

Dà lavoro a sei ragazzi della provincia di Rovigo, rimasti disoccupati a causa dell’emergenza sanitaria. Lei è una giovanissima imprenditrice che, due anni fa, ha dato vita al suo sogno: una serra di fragole high tech. Rispetto ai metodi tradizionali la produzione è raddoppiata.

Un cervello brillante, che ragiona velocemente (un po’ come crescono le sue fragole), quello di Sofia Micheli. «Abbiamo avuto una grande richiesta di lavoro da parte di chi era rimasto a casa nella ristorazione e nei bar e abbiamo deciso di assumere altre sei persone per la stagione, oltre alle sei che avevamo già»: spiega.

serra di fragole up and down
Serra di fragole Up and Down

LEGGI ANCHE: I segreti del funzionamento di Bitcoin Future

E ancora: «Non avevano assolutamente esperienza, gli abbiamo insegnato noi». Per sapere gli effetti del Covid-19 in termini economici bisogna aspettare che arrivi giugno, quando si concluderà la raccolta. Sinora i ritmi non hanno subito battute d’arresto, ma tutto dipenderà dai prezzi.

Sofia Micheli, che dà lavoro a sei ragazzi in piena pandemia, nel 2019 ha vinto il Premio Smau per l’innovazione, ed è una delle protagoniste di #AgrifoodPerRipartire: storie, innovazioni e imprese dell’Italia che riparte. La produzione della serra di 6 mila metri quadri ha un valore teorico di 100 mila euro, ma con questi prezzi potrebbe valere il doppio o la metà, è «del tutto imprevedibile».

LEGGI ANCHE: Cane robot a Singapore mantiene il distanziamento sociale

«Eravamo sicuri di spendere nella lotta integrata per la protezione delle piante, abbinando all’uso di mezzi chimici, il lancio di insetti utili antagonisti naturali, ma abbiamo rimandato al prossimo anno»: aggiunge Sofia.

Il suo obiettivo è di rendere la produzione più sostenibile, attraverso un ciclo chiuso di irrigazione, e di produrre marmellate per ridurre gli sprechi. La serra, con il sistema Up and Down, già consente di dimezzare l’uso di suolo, riduce l’utilizzo dell’acqua e rende il lavoro meno pesante.

LEGGI ANCHE: Come si diffonde il coronavirus al ristorante.