Decreto Covid, il calendario delle riaperture dal 26 aprile all’estate

Si comincia il 26 aprile.

  • Il 26 aprile entra in vigore il nuovo decreto Covid.
  • Rimarrà valido fino al prossimo 31 luglio.
  • Viene confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Il 26 aprile 2021 entrerà in vigore il nuovo decreto Covid. Nel giorno appena citato, prenderà il via la road map delle riaperture.

Decreto Covid, cosa riaprirà e quando

Con l’entrata in vigore del nuovo decreto Covid, torrneranno dopo oltre un mese le zone gialle. Essenziale è ricordare che tra i territori di questo colore ci si potrà spostare liberamente. Diversi sono gli spostamenti da e verso le Regioni arancioni; in questo caso, infatti, sarà necessario presentare il green pass (certificato vaccinale, di guarigione dal Covid o attestazione di recente tampone negativo).

LEGGI ANCHE: Conte ‘bacchetta’ Grillo: “Non trascurare il dolore della ragazza”

A partire dal 26 aprile, sarà possibile, nei ristoranti in zona gialla, pranzare e cenare ma solo all’aperto. In zona rossa e arancione, vale solo la possibilità di ricorrere all’asporto o al delivery.

Cosa dire in merito al settore della cultura e dello spettacolo? Che, a partire dal 26 aprile, in zona gialla riapriranno i musei. Per gli eventi in cinema, teatri e sale da concerto si parla invece di posti precedentemente assegnati e distanziati di un metro.

Essenziale è ricordare che è consentita l’occupazione del 50% dei posti rispetto alla capienza massima. Al chiuso potranno essere ospitati massimo 500 operatori e all’aperto 1000. Sempre dal 26 aprile, in zona gialla sono consentiti gli sport all’aperto (anche quelli di contatto).

La riapertura delle scuole

Con l’entrata in vigore del nuovo decreto Covid, le scuole superiori saranno tenuti ad approcciarsi in modo flessibile alla didattica, con lo scopo di garantire, in zona rossa, la presenza in aula degli studenti in un range compreso fra il 50 e il 75%.

In zona gialla e arancione, invece, deve essere garantita la didattica alle superiori tenendo conto di un range compreso tra il 70 e il 100%.

Per quel che concerne l’Università, si parla dal 26 aprile al 31 luglio di didattica in presenza in zona gialla e arancione. In zona rossa, invece, si raccomanda il ricorso alla didattica a distanza.

Piscine, stabilimenti balneari e palestre

A partire dal 15 maggio, in zona gialla riapriranno le piscine all’aperto e gli stabilmenti balneari. Nel week end, è prevista la riapertura di centri commerciali e mercati.

Dal 1° giugno potranno riaprire le palestre al chiuso e si avrà modo di frequentare eventi sportivi presso stadi e palazzetti dello sport (con una capienza massima del 25% e un massimo di 500 spettatori al chiuso e di 1000 all’aperto).

LEGGI ANCHE: Coprifuoco alle 22 e ristoranti e cinema aperti, l’incoerenza del Governo Draghi.