Decreto Ristori 5: chi ha diritto al Bonus 1000 euro?

Potranno riceverlo i titolari di Partita IVA da almeno 3 anni e con i contributi INPS pagati regolarmente.

In un’Italia che ha iniziato il 2021 con la campagna vaccinale in corso, si attende il varo del Decreto Ristori 5. Tra le misure previste, ci sarà anche il bonus da 1000 euro dedicato agli autonomi e alle partite IVA.

Bonus 100 euro Decreto Ristori 5: chi ne ha diritto?

Per avere diritto al Bonus 1000 euro previsto con il Decreto Ristori 5, bisogna soddisfare i seguenti requisiti:

  • Partita IVA aperta da almeno 3 anni.
  • Reddito annuo inferiore a 50.000 euro
  • Decremento di fatturato durante il 2020 non inferiore al 33%.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Fontana: “Stiamo peggiorando in tutti i parametri”

Un altro requisito da considerare riguarda il fatto che, per usufruire del bonus, è necessario essere in regola con i pagamenti dei contributi INPS prima dell’emergenza. 

In merito al Decreto Ristori 5, ha detto la sua la vice ministra all’Economia Laura Castelli. La politica pentastellata ha dato spazio a dettagli sui profetti del Governo tramite un post sulla sua pagina Facebook.

Norme che intervengano, anche attraverso l’ampliamento delle possibilità di accesso ai “piani di risanamento” e alle “procedure concorsuali”, per favorire il risanamento delle imprese e la tutela del creditore. O ancora, da una riforma complessiva del Fisco, che semplifichi il rapporto tra lo Stato, i cittadini e le imprese, e porti ad un abbassamento della pressione fiscale, proseguendo su quella strada che già abbiamo intrapreso. Far ripartire il lavoro, e le imprese, vuol dire far ripartire il Paese.

Altre misure

Oltre al bonus 1000 euro, sono previste anche altre misure nel Decreto Ristori 5. Ecco quali sono:

  • Saldo e stralcio delle cartelle esattoriali
  • Rottamazione delle cartelle dal 2016 al 2019 per i contribuenti che hanno posizioni aperte con il Fisco
  • Rinvio delle cartelle esattoriali per chi non le può pagare o sconto sull’ammontare delle stesse

LEGGI ANCHE: “No vax a pagamento se ricoverati in ospedale per il Covid”