Dell’Utri resta in carcere, lo ha deciso il Tribunale di Roma

Marcello Dell’Utri, ex senatore di Forza Italia, resterà in carcere.

Il Tribunale di Sorveglianza di Roma, infatti, ha respinto la richiesta di scarcerazione per motivi di salute.

Dell’Utri, 76 anni, si trova detenuto nel carcere di Rebibbia, dove sta scontando una pena di 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

I difensori avevano presentato un’istanza di scarcerazione, con la sospensione della pena, per permettere a Dell’Utri di essere curato presso la struttura ospedaliera Humanitas di Milano.

A Dell’Utri, già cardiopatico e diabetico, è stato diagnosticato un cancro alla prostata.

Il tribunale ha respinto l’uscita dal carcere, nonostante – come si legge su Repubblica.it – gli stessi consulenti della Procura si siano espressi per l’incompatibilità tra le condizioni di salute di Dell’Utri e il detenuto.

Dell’Utri, con Silvio Berlusconi, fondò Forza Italia e fu collaboratore dell’ex premier fin dagli anni 70 in Publitalia 80 e Fininvest.

È stato condannato a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, essendo stato riconosciuto come mediatore tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi.