Denise Pipitone, la lettera struggente dei genitori per il suo 18° compleanno

Denise Pipitone al momento della scomparsa.

Non potrà essere un compleanno come tanti, sarà per noi, un giorno triste senza la sua presenza e senza i dovuti festeggiamenti gioiosi.Denise, ovunque tu sia, mamma e papà, ti augurano nel tuo 18esimo compleanno“.

Queste le parole che Piera Maggio ha voluto dedicare alla figlia scomparsa.

Denise Pipitone, infatti, oggi compie 18 anni.

Non avremmo mai voluto pensare al 18esimo compleanno di nostra figlia, come una giornata qualunque – ha scritto Piera Maggio – Purtroppo il tempo non può essere fermato e di anni dolorosi senza Denise, ne sono trascorsi molti  Anche con il vuoto dentro che ogni giorno ci divora, rimarremo sempre in attesa di un suo ritorno“.

Che da adesso in poi – scrive Piera – tu possa intraprendere un nuovo cammino pieno di gioie e soddisfazioni che ti accompagni nell’essere una donna amorevole e coraggiosa.  Che possa tu stessa, un giorno ritrovare la strada di casa, dove ci saranno ad attenderti le persone che più ti amano al mondo. Mamma e papà“.

Piera Maggio e il padre biologico di Denise, Piero Pulizzi, hanno deciso di regalare alcuni giocattoli dismessi ai bambini della scuola Gianni Rodari di Mazara Del Vallo, dove Denise frequentava il primo anno.

LA VICENDA

Denise Pipitone è una bambina di tre anni che è scomparsa intorno alle 12 del 1º settembre 2004 a Mazara del Vallo, in Provincia di Trapani, mentre si trovava nei pressi della casa della nonna materna.

Diversi gli spunti che si sono presentati negli anni agli investigatori, anche se le indagini si sono sempre concentrate nell’ambito familiare allargato. Secondo l’ultima ricostruzione proposta dagli inquirenti Denise sarebbe stata rapita dalla sorellastra Jessica Pulizzi, anche lei minorenne, con la complicità della madre Anna Corona e dell’ex fidanzato Gaspare Ghaleb per motivi sottesi a “vendetta e gelosia perché Denise e Jessica Pulizzi sono figlie dello stesso padre, Piero Pulizzi”. Il procedimento penale conduce al processo in cui sono imputati solo Jessica Pulizzi, con l’imputazione di sequestro di minore, e Gaspare Ghaleb, per il reato di false informazioni al pubblico ministero.

La donna verrà assolta all’esito del dibattimento di primo grado dal Tribunale di Marsala il 27 giugno 2013 e dalla Corte d’appello di Palermo il successivo 2 ottobre 2015. Assoluzioni confermate dalla Corte di Cassazione nell’aprile 2017. Per gli addebiti del coimputato è intervenuta nel corso del procedimento la prescrizione del reato.

Il 21 settembre scorso, inoltre, si è parlato della possibile riapertura del caso.