Luigi Di Maio si dimette da capo politico del MoVimento 5 Stelle

Si attende l’annuncio ufficiale dell’ex vicepremier.

Luigi Di Maio ha deciso di dimettersi da capo politico del MoVimento 5 Stelle. Lo hanno confermato fonti parlamentari dei pentastellati.

Il Ministero degli Esteri avrebbe comunicato la sua scelta agli esponenti di governo del M5S stamattina a Palazzo Chigi e l’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare oggi pomeriggio, intorno alle 17, durante un evento organizzato al Tempio di Adriano per la presentazione dei membri regionali del Team del Futuro.

Su Facebook l’ex vicepremier ha scritto: «Oggi pomeriggio alle 17 sarò a Roma insieme a tutti i facilitatori regionali. Mi collegherò in diretta perché ho delle cose importanti di cui parlarvi».

LEGGI ANCHE: Sardine a Roma, Di Maio e Renzi esaltano la piazza.

Stando a quanto appreso dall’agenzia Dire da fonti del MoVimento 5 Stelle, Di Maio, durante il vertice di stamattina, avrebbe rivendicato i risultati raggiunti in questi anni di governo. La reggenza, invece, potrebbe essere affidata a Vito Crimi membro anziano del comitato di garanzia.

Paola Micheli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha affermato: «Credo che il Movimento, se Di Maio dovesse mai decidere davvero di fare un passo indietro, sarà in grado di trovare un nuovo assetto organizzativo e di leadership. Poi sulle decisioni specifiche che riguardano concessioni e tante altre decisioni che abbiamo sul tavolo, i percorsi che abbiamo deciso sono i percorsi che conoscete: rispetto a quello non ci sono novità e non ci saranno novità».

Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, intervendo ad Agorà, la trasmissione di Raitre, ha affermato: «Di Maio verso le dimissioni da capo politico? Mi ricorda un po’ Schettino, molla la nave mentre affonda. È il riconoscimento di un fallimento e di una sconfitta: scappa a pochi giorni dalle elezioni in Emilia e Calabria dove l’unica certezza è che i 5Stelle perderanno».

LEGGI ANCHE: ChristianDay a Roma il 25 gennaio: Cristianesimo sotto attacco.