Dichiarazione dei redditi 2020, già online i modelli

Ecco cosa bisogna sapere sulle tasse da pagare nell’anno che verrà.

Neanche il tempo di finire di pagare le tasse dello scorso anno, l’ultima tranche è quella classica e odiatissima del 31 dicembre, che già ci fanno sapere come compilare online la prossima dichiarazione dei redditi targata 2020 sui redditi che ancora dobbiamo finire di incassare e contabilizzare quest’anno.

Online le bozze dei modelli dichiarativi 730/2020, CU/2020 e 770/2020, relativi al periodo d’imposta 2019. Il modello 730/2020 deve essere presentato da lavoratori dipendenti e pensionati (in possesso di determinati redditi). La dichiarazione precompilata deve essere presentata entro il 7 luglio in caso di presentazione al sostituto d’imposta, entro il 23 luglio in caso di presentazione diretta all’Agenzia delle Entrate o al Caf ovvero al professionista. Dalla campagna dichiarativa 2020, anno d’imposta 2019, l’Agenzia dell’Entrate non effettuerà più la distribuzione in formato cartaceo dei modelli 730, che con le istruzioni saranno reperibili sul sito.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato in data 20 dicembre 2019 la bozza del modello dichiarativo 730/2019, del modello dichiarativo CU/2020 e del modello dichiarativo 770/2020, relativi all’annualità d’imposta 2019.

Ma facciamo chiarezza sui vari modelli.

Modello dichiarativo 730/2020

Si tratta del modello dichiarativo che deve essere presentato da dipendenti e pensionati (che sono in possesso di determinati redditi).

Dal 15 aprile, l’Agenzia dell’Entrate metterà a disposizione dei soggetti il modello 730 precompilato sul sito internet della stessa Agenzia.

Il modello può essere presentato:

  • entro il 7 luglio 2019 al sostituto d’imposta;
  • entro il 23 luglio 2019 direttamente all’Agenzia delle Entrate ovvero al Caf o al professionista.

Dalla campagna dichiarativa 2020, anno d’imposta 2019, l’Agenzia dell’Entrate non effettuerà più la distribuzione in formato cartaceo dei modelli 730, che con le istruzioni saranno reperibili sul sito.

Il contribuente deve controllare se è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi – modello 730 o modello Redditi, oppure è esonerato. Il contribuente è tenuto a presentare la dichiarazione se non ha conseguito redditi nell’anno 2019 e non rientra in ipotesi di esonero.

In ogni caso la dichiarazione deve essere presentata se le addizionali all’IRPEF non sono state trattenute o sono state trattenute in misura inferiore a quella dovuta.

La dichiarazione deve essere presentata anche se sono stati percepiti redditi che derivano dalla locazione di fabbricati per cui si è optata per la cedolare secca.

LEGGI ANCHE: Walter Nudo ha una nuova fidanzata, ecco come si chiama.

Modello dichiarativo CU/2020

I sostituti d’imposta dovranno consegnare il modello Certificazione Unica 2020, entro e non oltre il 31 marzo, ai soggetti che hanno percepito le somme.

Per quanto concerne l’obbligo di trasmissione telematica all’Agenzia dell’Entrate, da parte dei datori di lavoro e degli enti pensionistici, delle certificazioni, la scadenza per tale adempimento è fissata al 7 marzo.

Modello dichiarativo 770/2020

L’Agenzia delle entrate ha reso disponibile, sul proprio sito internet, anche la bozza del modello 770/2020.

Sono tenuti a presentare la dichiarazione Mod. 770/2020 i soggetti che nel 2019 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte sui redditi di capitale, compensi per avviamento commerciale, contributi ad enti pubblici e privati, riscatti da contratti di assicurazione sulla vita, premi, vincite e altri proventi finanziari, nonché coloro che hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte.

La dichiarazione deve essere presentata entro il 31 ottobre 2020 per via telematica:

  • dal sostituto d’imposta;
  • tramite intermediario:
  • tramite altri soggetti incaricati:
  • tramite società appartenenti al gruppo.

LEGGI ANCHE: 4 alimenti che non vanno conservati in frigorifero.