Disinfettare e riutilizzare la mascherina? Si può, ecco come fare

Analizziamo il metodo più efficace per sanificare le nostre mascherine senza doverle sostituire dopo ogni utilizzo.

Sanificare le mascherine

Dall’inizio di questa pandemia di Coronavirus in Italia, uno dei grossi problemi determinati dall’emergenza è stato l’acquisto smisurato delle mascherine. Di conseguenza la diminuzione della reperibilità e l’aumentato prezzo di questo dispositivo di protezione individuale ha determinato diverse manifestazioni di panico da parte della popolazione. Nel momento in cui inizierà la Fase 2 dell’emergenza sarà necessario possedere delle mascherine per poter uscire di casa. Perciò aumenterà ancora di più la richiesta da parte dei cittadini.

Esistono diverse tipologie di mascherine:

  1. La mascherina chirurgica: viene utilizzate da chi è o potrebbe essere infetto, in quanto hanno un potere filtrante intorno al 95%, perciò vengono indossate per evitare di infettare gli altri. Purtroppo però la percentuale di protezione dall’esterno verso colui che la porta, è pari o inferiore al 25%;
  2. La FFP1/FFP2/FFP3 senza valvola: questa è la tipologia con un’elevata protezione sia per chi la utilizza che per gli altri. Il rischio di essere contagiati o di contagiare si riduce ad una piccola percentuale, se osservate comunque le norme igieniche consigliate dal Ministero della Salute;
  3. La FFP1/FFP2/FFP3 con valvola: viene anche chiamata mascherina “egoista” perché proteggono soltanto chi la indossa. Se il proprietario è infetto, da qualsiasi tipo di virus, rischia di contagiare coloro che gli sta accanto.

mascherine

Come sanificare e disinfettare una mascherina

Analizziamo adesso le fasi per eseguire una corretta sanificazione delle mascherine che utilizziamo. E’ necessario iniziare con un accurato lavaggio delle mani. Sfilate la mascherina dal vostro volto e poggiatela su una superficie facilmente lavabile. Rilavate nuovamente le mani o disinfettatele con una soluzione idroalcolica al 75-85% e indossate un paio di guanti monouso.

A questo punto spruzzate il DPI con alcool al 70% su tutta la sua superficie (senza bagnarlo eccessivamente) e ripetere la procedura dopo averlo girato sul lato opposto. Lasciate la mascherina in un luogo protetto per circa 30 minuti fino a che l’alcool non sia completamente vaporizzato.

sanificazione

Questo procedimento è possibile applicarlo sia con le mascherine chirurgiche che con le FFP1/FFP2/FFP3. Queste ultime potrebbero essere inoltre sanificate tramite l’esposizione, su entrambi i lati, ad alte temperature (superiori ai 60°C) come ad esempio il vapore del ferro da stiro mantenuto a debita distanza.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: a Vigevano famiglia cinese regala mascherine a tutto il condominio