Dolores O’ Riordan, quando nel 2014 disse: “Non mi sono suicidata per i miei figli”

Il giorno dopo la terribile notizia della morte di Dolores O’Riordan, che ha sconvolto gli appassionati di musica di tutto il mondo, è emerso un particolare triste ed inquietante.

Dolores, infatti, è stata trovata senza vita nella sua stanza di hotel a Londra, in Park Lane, alle 9,05 del mattino di ieri, lunedì 15 gennaio.

La voce e la chitarrista dei Cranberries soffriva di depressione.

Sulle cause della morte di Dolores c’è il massimo riserbo da parte dei familiari ma non si può non pensare a quanto dichiarato dall’artista nel 2014.

La cantante – madre di tre figli: Taylor (20), Mollie (16) e Dakota (12) – ammise di soffrire di anoressia e di avere tentato di togliersi la vita:

È un problema che ho iniziato ad avere all’inizio dell’età adulta, si manifesta con alcuni comportamenti e disturbi di varia natura come quelli alimentari. Ho avuto anche dei crolli psicologici e vari episodi di depressione“, raccontò al Belfast Telegrah.

Ho provato anche ad andare in overdose lo scorso anno – disse la cantante – penso di aver deciso di restare, alla fine, per i miei figli“.

Perché questa tristezza?

Per quattro anni, quando Dolores era bambina, è stata vittima di abusi sessuali da una persona di fiducia. Aveva solo 8 anni.

Una brutale ferita che la cantante irlandese si è portata con sé per tutta la sua vita.

IL RICORDO DEI NEGRAMARO