Domenica Live: Valentina Persia racconta la depressione post-partum

L’attrice è diventata mamma di Lorenzo e Carlotta a 43 anni.

Ospite della seconda puntata della stagione di Domenica Live, programma pomeridiano di Barbara D’Urso che va in onda l’ultimo giorno della settimana, Valentina Persia, diventata famosa grazie a La Sai l’Ultima?, ha raccontato il periodo più difficile della sua vita, ossia quella della depressione post-partum successiva alla nascita dei gemelli Lorenzo e Carlotta.

Valentina Persia, la depressione post-partum

Diventata mamma dei suoi due gemelli a 43 anni, Valentina Persia si è confessata a cuore aperto sul periodo di depressione successivo al parto. La D’Urso ha introdotto l’intervista con una tenerissima clip caratterizzata dalla presenza di foto della comica incinta e di scatti dei bimbi e di loro tre assieme.

“C’è chi va anche oltre”: queste le parole pronunciate dalla Persia quando Barbara D’Urso le ha ricordato di aver detto di aver provato disagio nel momento in cui le hanno messo sulla pancia i gemelli.

Si è successivamente soffermata sulla narrazione della maternità affermando che, a suo dire, si tende a descrivere soprattutto la parte bella, la “famiglia del Mulino Bianco“. Ha poi specificato che è importante essere consapevoli che non tutte le donne avvertono in maniera immmediata la sensazione di attaccamento al bambino appena venuto al mondo.

LEGGI ANCHE: Daniele Bossari e la depressione: parla Filippa Lagerback

“Sono arrivata a graffiarmi, a farmi male (…) Io vorrei fare capire a tante, tantissime donne che un bambino ti trasmette sì l’amore di un batuffolo, ma non per forza la sensazione di interagire. I primi tempi è tutto un ‘dormire, mangiare, cambiare pannolini'”.

Non ha risparmiato dettagli Valentina Persia. Parlando dell’attaccamento nei confronti dei bambini neonati, ha specificato che, molte volte “Vai a raschiare negli angoli di casa cercando quella sensazione e chiedendoti perché non l’avverti”.

LEGGI ANCHE: Cristiano Malgioglio: “Ho sofferto di depressione”