Don Papa, nuovo rum di tendenza

Nella vasta gamma dei rum “quotidiani” è nata una nuova stella, un brand che sta velocemente acquisendo estimatori tra un pubblico trasversale composto da esperti e bevitori sporadici

Il rum è un liquore ottenuto dalla distillazione di succo di canna da zucchero oppure dalla melassa, un prodotto ottenuto durante il processo di lavorazione della canna da zucchero. Al di là dei prodotti da utilizzare per i cocktail, gli altri rum da consumo “liscio” sono poi invecchiati in botti di legno per più o meno tempo, acquisendo così sentori apportati dal legno in maniera più o meno evidente a seconda del risultato che la distilleria intende ottenere.

Si tratta di uno dei distillati più amati dagli italiani insieme all’italianissima grappa ed al whisky. A differenza di altri distillati, il rum riesce a piacere più facilmente oltre che agli esperti, anche ad un pubblico meno avvezzo al consumo di superalcolici come può essere quello delle donne, ciò grazie al suo gusto rotondo, con un residuo zuccherino più o meno importante a seconda della tipologia ma di certo più “piacione” rispetto ai secchissimi whisky e grappe made in Italy.

Nella vasta gamma dei rum “quotidiani” è nata una nuova stella, un brand che sta velocemente acquisendo estimatori tra un pubblico trasversale composto da esperti e bevitori sporadici, uomini e donne, sempre più presente nelle mensole dei liquori a casa degli italiani, si tratta di Don Papa.

Don Papa è un rum proveniente dalle Filippine, più precisamente dall’isola di Negros dove insieme ad una delle migliori qualità di canne da zucchero coltivate alle pendici del monte Kanleon, il clima caldo ed umido crea le condizioni ideali per l’invecchiamento del distillato. Il brand del sud est asiatico si ispira a Papa Isio, personaggio di riferimento nelle battaglie per l’indipendenza delle Filippine dal dominio spagnolo durante il diciannovesimo secolo.

L’azienda rende omaggio a questo storico personaggio riportandolo sull’etichetta di ogni prodotto insieme ad un geco portafortuna.

La gamma dei Don Papa Rum si sta pian piano ampliando e arricchendo di nuove etichette (acquistabili nelle migliori enoteche anche online), vediamo ad oggi quelle presenti sul mercato italiano:

  • Don Papa 7 anni: si tratta del classico, il più diffuso, quello che realmente sta spopolando grazie ad una serie di fattori, in primis il suo gusto differente rispetto ad altri rum di pari categoria. Don Papa è un rum dolce, molto dolce, mieloso e vanigliato all’inverosimile. Un rum da abbinare a cioccolato di Modica o altro buon cioccolato fondente. Gradazione alcolica 40% ottimamente nascosta dietro il suo sapore dolce. Prezzo poco sopra i 30 €.
  • Don Papa 10 anni: versione più rara, con tiratura ancora limitata. Rispetto al 7 anni, qui il rum cambia parecchio, è molto meno dolce, ha più sentori tostati, di frutta appassita e cioccolato. Nel complesso è molto più variegato rispetto al fratello minore, più complesso ed aristocratico. Gradazione alcolica 43%, si acquista intorno a 70 €.
  • Don Papa Sherry Cask: questa è una delle versioni premium a tiratura limitata distribuite con il contagocce dal distributore per l’Italia. Si tratta di un prodotto non filtrato, invecchiato per alcuni anni in botti ex-bourbon e per gli ultimi 18 mesi in botti che hanno precedentemente ospitato i migliori sherry. Dopo l’invecchiamento il prodotto viene assemblato dal master blender che mixa così i vari sentori generati dalle botti delle differenti aziende di sherry, creando questo splendido rum il cui risultato è davvero stupefacente. Complesso, ampio, caldo con nitidi sentori di frutta rossa candita, cacao ed altre spezie dolci. Gradazione alcolica 45%, costo intorno a 140 €.
  • Don Papa Rare Cask: già il nome lascia intuire la sua diffusione, se così si può dire. Il rum in questione è stato rilasciato in soli 500 esemplari per il mercato italiano. Rum non filtrato, né miscelato con altri lotti, imbottigliato pieno grado a 50,5%. Invecchiato per diversi anni in botti di quercia e per altri anni (non meglio specificati) in botti di rovere ad alta tostatura. Ne deriva un rum estremamente complesso, potente e variegato. Da intenditori.
  • Don Papa Sevillana Cask: rum rilasciato nel 2019, pochissime bottiglie, volate via in un attimo, si attende un nuovo rilascio nel 2020. Rum invecchiato in botti ex-bourbon, poi in botti ex-sherry e negli ultimi 18 mesi in botti che hanno precedentemente ospitato vino all’arancia tipico di Siviglia.