Donna incinta uccisa dall’amica, la piccola le è stata strappata dal grembo

Orrore in Brasile. La bambina però è viva e sta bene.

Una giovane donna incinta è stata trovata morta con la sua bambina non ancora nata strappato fuori dal suo grembo. Come si apprende dal Daily Mail, Flavia Godinho Mafra, 24 anni, era stata attirata a un finto baby shower (tradizionale festeggiamento con cui si accoglie la futura nascita di un bambino) da un’amica.

È successo a Canelinha, nello stato brasiliano meridionale di Santa Catarina. L’autrice dell’efferato delitto era una ex compagna di scuola della vittima che ha confessato di avere utilizzato un mattone per ucciderla, dopo averla attirata sulla scena del delitto.

L’amica ha dichiarato alla polizia di essere diventata ossessionata dal rapimento dei bambini dopo avere avuto un aborto spontaneo all’inizio di quest’anno.

Il detective responsabile del caso, Paulo Alexandre Freyesleben e Silva, ha confermato che la causa della morte della vittima è stata un taglio netto all’addome e le ferite provocate dal mattone.

Secondo quanto riferito, il corpo è stato trovato dal marito e dalla madre della vittima intorno alle 9 del mattino di venerdì scorso, 28 agosto. Si trovava in un deposito di ceramiche abbandonato nel quartiere di Galera.

Il luogo del ritrovamento della donna.

LEGGI ANCHE: Ha ucciso di botte la compagna, arrestato clochard

La piccola, però, era scomparsa e la polizia ha scoperta che era stata portata in ospedale dall’amica e dal marito, entrambi arrestati.

Secondo NSC Total, la bambina è ricoverata nell’ospedale pediatrico di Florianopolis, dove le sono stati somministrati antibiotici e antidolorifici per le ferite riportate quando è stata strappata dalla pancia della madre ma è in buona salute.

L’autopsia confermerà se la piccola è stata rimossa quando la donna incinta era viva o già morta.

La vittima, che ha studiato pedagogia e ha lavorato come supplente, è stata sepolta nel Cimitero Comunale di Canelinha dopo una breve cerimonia funebre.

LEGGI ANCHE: Covid-19, perché i casi aumentano ma non la mortalità?