È morta Maria Perego, la mamma di Topo Gigio

Aveva 95 anni e stava lavorando al ritorno in tv del famoso topino.

Il mondo della televisione e tutti quelli che sono cresciuti a pane e Topo Gigio sono in lutto. All’età di 95 anni è morta Maria Perego, l’autrice televisiva che nel 1959 insieme al marito Federico Caldura creò, appunto, il pupazzo di Topo Gigio.

Ad annunciare la sua scomparsa è stato Alessandro Rossi, amministratore della Topo Gigio srl.

La Signora – ha detto – è stata una eccezionale ambasciatrice della creatività italiana; Topo Gigio sembrava prendere vita dalle sue mani e con lei ha viaggiato nei paesi di tutto il mondo. È stata una infaticabile lavoratrice e fino alla fine ha lavorato su nuovi progetti, l’ultimo dei quali è la nuovissima serie a cartoni animati su Topo Gigio che verrà prossimamente trasmessa da Rai Yoyo. Ci mancherà moltissimo“.

LEGGI ANCHE: Cristiano Malgioglio: “Ho sofferto di depressione”

Romantico, innocente e puro come i bambini, terrorizzato dai gatti e goloso di formaggio, estremamente sensibile alla bellezza delle donne, Topo Gigio è un pupazzo antropomorfo che ha debuttato in tv nel 1959 nella trasmissione ‘Alta Fedeltà’ con la voce di Domenico Modugno. Nel 1961 è stato il primo pupazzo animato ad apparire nel Carosello come testimonial di una marca di biscotti.

Ma non solo. È stato il protagonista di un lungometraggio, di una serie a fumetti pubblicata sul ‘Corriere dei Piccoli’, di cartoni animati e di una produzione cinematografica nipponica. Il Topino, infatti, è stato una celebrità anche all’estero e in particolare in America dove ha ricoperto il ruolo di comprimario in coppia con personaggi famosi nella trasmissione ‘Ed Sullivan Show’ della CBS.

LEGGI ANCHE: Cristiani sotto attacco a Cuba.

In Uruguay, la squadra di calcio dell’Huracán Buceo di Montevideo aveva adottato Topo Gigio come propria mascotte. In Italia, invece, il suo nome resta legato allo Zecchino d’oro, alla canzone ‘Strapazzami di coccole’ e al tormentone “Non è giusto, però”.

A spiegare il suo enorme successo fu la stessa Perego in una intervista: “È il ritratto del candore, della fiducia in un mondo flagellato dai pericoli e dalle paure“.