È morto il giovane chef Alesssandro Narducci

Lutto nel mondo della ristorazione. Questa notte alle due è morto Alessandro Narducci,giovane e promettente chef. Con lui, a bordo dello scooter, anche Giulia Puleio assistente di sala al ristorante dove lavoravano insieme.

L’incidente è avvenuto sul Lungotevere della Vittoria, in zona Prati. Lo chef e la ragazza erano a bordo dello scooter di lui e stavano ritornando a casa dopo aver finito di lavorare da ‘Aquolina’, noto ristorante della Capitale premiato anche con una stella Michelin.

Ancora da chiarire le dinamiche dell’incidente, ma da una prima ricostruzione sembra che lo scooter abbia impattato frontalmente un’auto e che a causa dello scontro i corpi dei due giovani siano stati sbalzati per circa 20-30 metri.

Il conducente dell’auto, che è finita contro alcune macchine in sosta, è invece ricoverato al Gemelli in gravi condizioni.

Ecco chi era Alessandro Narducci (biografia tratta dal sito de ‘Il Gambero Rosso’).

Classe 1990, giovane chef under 30 di grande talento, Alessandro era da un paio d’anni il frontman del progetto che da tempo lo legava ai fratelli Troiani: oltre 10 anni di storia iniziati a Collina Fleming, nel locale che Angelo, Giuseppe e Massimo Troiani pensavano all’epoca come trattoria di mare, e invece presto è diventato un punto di riferimento per la cucina di pesce nella Capitale. Aveva mosso i primi passi nella grande ristorazione al Convivio Troiani, poi un passaggio negli Emirati Arabi con Heinz Beck, e il ritorno al Roma, per prendere un testimone importante: la guida della cucina di ‘Acquolina’.