È morto il professore Pietro Migliaccio, famoso nutrizionista

La TV ha perso il suo dietologo più noto.

Pietro Migliaccio

La televisione e il mondo della medicina perde uno dei suoi volti più famosi. E le nostre case perdono uno dei volti più familiari, che abbiamo indirettamente accolto e ascoltato attraverso il piccolo schermo.

Si è spento a Roma Pietro Antonio Migliaccio, docente in Scienza dell’alimentazione e specialista in Gastroenterologia, presidente emerito della Società italiana di Scienza dell’Alimentazione, uno dei primi a divulgare il tema della sana alimentazione in televisione.

Il professore Migliaccio, 86 anni, è stato colto da un lavoro mentre stava lavorando ed è morto in un ospedale di Roma dov’era stato ricoverato.

Pietro Migliaccio, nato a Catanzaro nel 1934, era docente in Scienza dell’alimentazione ed esperto in Auxologia (specialità medica che studia e cura la crescita fisica della persona nell’età evolutiva).

Per oltre un quarto di secolo è stato ricercatore dell’Istituto nazionale della Nutrizione (oggi Inran).

Da tempo Migliaccio esercitava nella Capitale la professione di nutrizionista e dietologo clinico e attività didattica presso varie università italiane. Nominato all’unanimità presidente della Società italiana di Scienza dell’alimentazione (Sisa) il 12 marzo 2010, rivestiva la carica di presidente emerito.

Migliaccio è stato autore di numerose pubblicazioni scientifiche in ambito biochimico e nutrizionale e ha collaborato con la stampa e con numerose testate televisive. L’esperto calabrese ha anche condotto una rubrica di nutrizione bisettimanale all’interno del programma I fatti vostri in onda su Rai Due.

Pietro Migliaccio

Sul sito del suo studio medico si legge: «Con immenso dolore diamo il triste annuncio dell’improvvisa scomparsa del caro Prof. Migliaccio» e da lì si apprende che «la camera ardente sarà presso la camera mortuaria del Policlinico Umberto I dalle ore 12 alle ore 16 di Venerdì 17. La cerimonia funebre si svolgerà sabato 18 gennaio a Roma alle ore 10.30 presso la Basilica di S. Croce al Flaminio in via Guido Reni».

Ci mancherà una figura come la sua. Di quelle che non sono dei ciarlatani da televisione. Migliaccio era davvero una dei pochi divulgatori scientifici affidabili della televisione. In tutti questi anni lo abbiamo visto ospite o al fianco di Bruno Vespa o Adriana Volpe. Le sue diete erano molto semplici e classiche: pochi carboidrati e tanta versura, senza però dimenticare il piacere del dolce ogni tanto e del rispetto dello stile Mediterraneo. Un vero signore della scienza in televisione.