Ela Weber shock: “Vi racconto il mio dramma”

Non la vedevano da un po’ in tv. Ela Weber, all’anagrafe Manuela Hannelore Weber, si è volutamente eclissata. Ha abbandonato lo showbiz perché non stava bene. E oggi ha deciso di raccontare il suo dramma. Lo ha fatto a ‘La vita in diretta’.

Quella che vedevate – ha raccontato – era una finzione e solo una parte di me. Il successo è diventato sempre più grande e non avevo neanche il tempo materiale per elaborarlo. Ma non potevo essere solo Eva, dovevo essere anche Manuela a un certo punto. A un certo punto la mia vera me è crollata”.

Ad aiutarla è arrivata la sorella che ha lasciato tutto e tutti in Germania per starle accanto per ben due anni.
Vogliamo dare un nome a quello che è successo? Depressione. E’ una malattia – ha dichiarato a bruciapelo – non è un’influenza che si può superare con un medicinale. Non esiste una cura per espellere il male. Se ne può uscire solo grazie alle persone che ti stanno vicino. Un messaggio alle persone da casa: non buttate via la vostra vita per un momento di tristezza“.

Oggi Manuela sta meglio e vive in campagna con i suoi cavalli.

Ho dovuto seppellire Eva – ha raccontato – per far uscire Emanuela. Oggi sono rinata. C’è la famosa ippoterapia. Qualunque problema tu abbia, basta passare una giornata a cavallo in mezzo alla natura per stare molto meglio. Il cavallo è un toccasana, ti fa perdere qualsiasi ansia e qualsiasi problema. Adesso sto molto bene anche grazie al rapporto con l’animale, la natura, la vita semplice. Il cambiamento è avvenuto lentamente. Nel 2004 mi sono trasferita in campagna e ho lasciato a Roma, proprio perché la vita di città non mi faceva stare bene e mi faceva venire gli attacchi di panico. Avevo voglia di ritirarmi“.