Emma Marrone parla della malattia alle Iene: “Sto bene ma ho ancora paura”

Ecco cosa ha detto in una intervista per la nota trasmissione.

Emma Marrone è tornata più forte di prima. I recenti problemi di salute non l’hanno fermata e tanto meno hanno scalfito la solarità, l’ironia e la grinta che la contraddistinguono. E lo ha dimostrato durante l’intervista realizzata dalle Iene e andata in onda nella scorsa puntata del programma.

Una intervista in cui la cantante salentina (di adozione!) non si è sottratta a nessuna domanda: dall’amore al rapporto con il suo corpo, dalla musica alla malattia. E infatti, la prima domanda alla quale ha risposto è stata quella sua salute: “Oggi sto bene, ma ho ancora paura di stare male. Cerco di vivermela al meglio tutti i giorni” ha detto alla Iena.

LEGGI ANCHE: Emma Marrone: “Mi devo fermare, ho un problema di salute”.

Emma-Marrone

Qualche anno fa Emma ha deciso di condividere la sua lotta contro il tumore alle ovaie: “Mi ero resa conto – ha detto – quanto fosse importante lanciare il messaggio della prevenzione. Ho scoperto che non stavo bene da una visita di controllo e da lì sono partite tutta una serie di cose che mi hanno un po’ destabilizzata. Mi hanno afflitta tantissimo, in quel momento ti arrabbi, piangi, è normale, ma ho fatto di tutto per rimettermi in piedi prima possibile. Ora che ne sono uscita sento di vivere davvero al cento per cento la mia vita, le mie giornate. Sembra banale dirlo, ma è così. Ora sono più folle di prima. E mi mangio la vita a morsi”.

LEGGI ANCHE: Bimbo nasce con una malattia incurabile e i genitori lo abbandonano.

Emma-Marrone

Ma non è tutto. Insieme alla malattia, l’artista ha dovuto fare i conti anche con i leoni da tastiera.

Mi hanno scritto che meritavo di morire di cancro – ha raccontato – e mi hanno fatto arrabbiare perché ho pensato a chi di cancro è morto per davvero e alla sua famiglia”.

Oggi Emma Marrone è qui e si gode il successo della sua ultima fatica discografica firmata niente di meno che da Vasco Rossi. Alla faccia di chi le vuole male.