Enrica Bonaccorti: “Io e Renato Zero dovevamo sposarci”

I due, giovanissimi, sono stati fidanzati e ad un passo dall’altare.

In pochi lo sanno, ma Enrica Bonaccorti e Renato Zero, quando erano molto giovani, sono stati fidanzati. E si sono amati tantissimo. Un amore talmente forte che dura anche oggi, seppur in maniera decisamente diversa rispetto agli anni della gioventù.

A raccontare con nostalgia e affetto quell’amore è stata proprio la conduttrice in una intervista per ‘LiberoQuotidiano’.

Ricordo la nostra passione per lo spettacolo – ha raccontato – l’ingenuità dei nostri vent’anni, i baci rubati nei portoni, io che fingevo di essere l’agente di Renato Fiacchini (vero nome di Renato Zero, ndr) e vestita da grande cercavo occasioni per farlo esibire. Ho riconosciuto e amato il suo talento da subito”.

Poi è arrivata la notizia shock, quella che nessuno si sarebbe mai aspettato.

Con Renato avevamo deciso addirittura di sposarci – ha dichiarato la Bonaccorti – ma dopo un paio d’anni ci siamo lasciati e ognuno si è riaccasato, io con quello che sarebbe diventato mio marito. Lui, dopo qualche mese dalla nostra separazione, ci tenne a comunicarmi che si era innamorato di nuovo. ‘La conosco?’ gli chiesi, e lui: ‘Lo conosci’. Sono stati insieme vent’anni, mentre io, con mio marito, meno di due”.

I due oggi sono grandi amici, ma la Bonaccorti forse rimpiange ancora quell’amore.

Brividi ne abbiamo provato tanti – ha confessato – e anche oggi c’è elettricità fra noi due. Mi sento legata a lui oltre il tempo, l’assenza, il genere. Avremmo potuto sposarci tranquillamente. Gli voglio un bene profondo, quello che va oltre i difetti, i miei e suoi”.

Leggi anche: Milena Vukotic dalla Balivo: “Io e mio marito viviamo separati”.