“Estinzione funzionale”: i koala stanno scomparendo ed è colpa nostra

L’allarme è stato lanciato dall’Australian Koala Foundation.

koala

Secondo l’organizzazione non governativa Australian Koala Foundation (AKF), sarebbero rimasti solo “80.000 koala in Australia” un numero che colloca questi animali nella categoria “estinta funzionalmente“.

Mentre è molto difficile stimare con precisione la popolazione dei koala selvatici che popolano le diverse regioni dell’Australia, una cosa è certa: il loro numero sta calando significativamente.

Due secoli fa, ad esempio, i koala erano circa 10 milioni.

Il rischio, in sintesi, è che questa specie scompaia gradualmente perché, al di sotto di una certa soglia, non si può riprodurre e garantire una generazione sostenibile. Da qui l’uso della formula “funzionalmente estinta“.

Questo declino accelerato può essere spiegato da diversi fattori, tra cui la distruzione dell’habitat naturale dell’animale. Un fenomeno dovuto principalmente alla deforestazione, alle malattie e al riscaldamento globale.

koala 1

Inoltre, occorre rimarcare che la scomparsa della specie potrebbe avere gravi conseguenze sull’ambiente. Quindi, con la probabile estinzione dei koala, è un intero ecosistema che verrebbe minacciato.

L’animale, infatti, è uno dei legami essenziali nell’equilibrio delle foreste di eucalipto, il cui rinnovamento dipende in parte dalle abitudini alimentari del marsupiale. Le sue feci svolgono un ruolo cruciale nel processo di fertilizzazione naturale del suolo.

Sostenendo che la popolazione di koala è diminuita dell’80% in alcune parti dell’Australia, come ad esempio nel Nuovo Galles del Sud, l’ONG AKF sta dando l’allarme, invitando il governo a misure drastiche per la salvaguardia della specie.

Leggi anche: a scuola non ci sono gli alunni, sindaco iscrive 15 pecore.