Fabrizio Corona, revocato l’affidamento e dovrà stare in carcere più tempo. Ecco quanto

Bruttissime notizie per Fabrizo Corona. Il Tribunale ha revocato i 5 mesi di recupero in comunità.

Fabrizio-Corona

Brutte notizie per Fabrizio Corona. Non solo resta in carcere, ma dovrà scontare 5 mesi in più. Le cose stanno così: il Tribunale ha annullato il periodo trascorso in affidamento per curare la sua dipendenza psicologica dalla cocaina. Si tratta di 5 mesi, dal febbraio 2018 allo scorso 25 marzo (giorno in cui Corona è tornato dietro le sbarre). Insomma, quei mesi non valgono più come pena scontata e, quindi, l’ex re dei paparazzi dovrà scontare in totale 6 anni e 7 mesi di reclusione.

Secondo il Tribunale di Sorveglianza di Milano, infatti, un programma terapeutico fuori dal carcere sarebbe per lui “inadeguato“. Tutta colpa di una lunga serie di violazioni delle prescrizioni.
Prima di tutto Corona spesso non ha rispettato l’orario di rientro a casa, poi in tv con le sue dichiarazioni ha mostrato, come ha scritto il giudice di sorveglianza Simone Luerti, “insofferenza e ribellione alla pena detentiva” e “alla magistratura”.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona

Ma non è tutto. A metterci il carico è stato anche il suo attacco nei confronti di Riccardo Fogli durante una puntata de ‘L’Isola dei famosi’. Per il giudice si è trattato di un atteggiamento non “congruo” con un percorso di recupero. Insomma, Fabrizio Corona può stare solo in carcere.

L’imprenditore, a detta di chi gli è vicino, non avrebbe preso affatto bene la decisione del Tribunale. Il chirurgo dei vip, Giacomo Urtis ha di recente avvertito: “Liberatelo, potrebbe suicidarsi“. Parole alle quali non dà il minimo credito Nina Moric che ha replicato dichiarando: “Non credete a chi spara caz**ate tipo Urtis che dice che potrebbe suicidarsi, sono caz**ate che dicono giusto per far parlare gli idioti“.

Nel frattempo Corona passerà la Pasqua in carcere.

Leggi anche: Giancarlo Magalli in tribunale per aver diffamato Adriana Volpe.

Seguici anche su Google News: