Fabrizio Corona torna in carcere e si taglia i polsi (FOTO)

Lo ha deciso il tribunale di Sorveglianza di Milano

Fabrizio Corona deve tornare in carcere. Lo ha deciso il tribunale di Sorveglianza di Milano revocando il differimento pena in detenzione domiciliare e, come ha spiegato il suo legale Ivano Chiesa, l’ex agente fotografico «appena glie lo ho comunicato, si è ferito ai polsi». Corona ha pubblicato su Instagram un video con il volto sporco di sangue in cui attacca i magistrati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Nel suo video, in cui l’ex ‘fotografo dei vip’ compare con la faccia sporca di sangue dopo essersi ferito, Corona ha attaccato il presidente del collegio della Sorveglianza Marina Corti e il sostituto Pg Antonio Lamanna.

«Quando gliel’ho comunicato si è ferito ai polsi – ha detto l’avvocato Chiesa – ora sono qua con lui e abbiamo chiamato l’ambulanza». Oggi, dopo l’udienza di lunedì scorso nella quale Corona aveva chiesto ai giudici di non farlo tornare “all’inferno”, ossia in carcere, il collegio ha accolto la richiesta del sostituto pg Lamanna di revocare il differimento pena in detenzione domiciliare per l’ex ‘re dei paparazzi’ per una serie di violazioni delle prescrizioni, tra cui le comparsate in tv e l’uso dei social network, da cui sono scaturite denunce a suo carico per diffamazione e minacce.

Lo stesso giudice Marina Corti, che presiedeva anche il collegio della Sorveglianza, aveva già proposto la revoca del differimento pena che gli era stato concesso nel dicembre 2019 per una «patologia psichiatrica».

Le parole di Corona: «Questo è solo l’inizio, dottoressa Corti, signor Lamanna questo è solo l’inizio. Quant’è vero Iddio sacrificherò la mia vita per togliervi da quelle sedie. Sacrificherò la mia vita per togliervi da quelle sedie. Vergogna. Chiedo, se no mi taglio veramente la vita, che venga il presidente del Tribunale di Sorveglianza, che guardi gli atti il presidente». Ha poi detto: «Avete creato un mostro».

Corona rischia di stare in carcere fino al 17 settembre 2024 ma occorrerà capire se andranno sottratti i 9 esi che, per la difesa, sono stati già scontati e altri abbuoni