Fase 2 e Covid-19: quando ripartiranno i concerti? Cosa sappiamo

Le nuove disposizioni dovrebbero fare chiarezza e dare delle linee guida agli addetti ai lavori.

concerto dal vivo

Il Coronavirus ha messo in quarantena un Paese intero, e non solo. Anche musica e concerti hanno subito una battuta d’arresto, ma abbiamo visto come i social siano riusciti a dare voce a eventi che sono stati in grado di dare speranza e di guardare al futuro con fiducia.

Dopo la riapertura di bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici, toccherà a palestre, cinema e teatri; ma cosa succederà agli eventi live, dove l’assembramento è una caratteristica imprescindibile?

Il nuovo decreto ha ribadito come questa estate non potranno ripartire i tour musicali, ancora non si conoscono le sorti di quelli previsti per la stagione autunnale. La musica e i concerti live programmati da maggio a settembre saranno slitteranno di circa un anno. Lo confermano le note ufficiali delle maggiori organizzazioni.

Una Nessuna Centomila concerto

LEGGI ANCHE: Ha recitato in Twilight, Gregory Tyree Boyce trovato morto insieme alla fidanzata

«I grandi eventi si fermano, alla luce delle disposizioni governative in tema di salute pubblica che vietano assembramenti di persone. Una decisione condivisa dalla gran parte dei produttori e degli organizzatori di spettacoli di musica dal vivo, che fanno sentire unita la loro voce».

E ancora: «Un segnale necessario che non significa che la misica dal vivo si arrenderà. Quella del 2021 sarà una stagione ancora più grande e magica che mai». I dettagli sulle cancellazioni, la riprogrammazione e il rimborso dei biglietti arriveranno a breve. Anche se alcune etichette discografiche si sono già portate avanti, anticipando l’ufficializzazione delle normative.

Oltre agli spettacoli già rinviati nei mesi scorsi – vedi quello di Emma Marrone, Benji e Fede e altri – sono rinviati al prossimo anno i concerti di Tiziano Ferro, Francesca Michelin, Claudio Baglioni, Andrea Bocelli.

Rinviato a giugno 2021 anche il grande evento che condanna la violenza sulle donne, Una Nessuna Centomila con Laura Pausini, Emma, Alessandra Amoroso, Giorgia, Elisa, Fiorella Mannoia e Gianna Nannini.

Stesso destino per Cesare Cremonini, Ultimo, Celine Dion, Lana Del Ray, Piero Pelù, Salmo e Il Volo. Una rinuncia necessaria per impedire che la curva del contagio possa tornare a salire come nelle scorse settimane.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuove prove sull’origine naturale del Sars-CoV-2