Avvistata la medusa “nomade”: è pericolosa e di grandi dimensioni

Foto Ansa

La medusa nomade (Rhopilema nomadica), un celenterato di grandi dimensioni, è stata avvistata e fotografata lo scorso settembre nel mare di Favignana dal biologo marino romano Luciano Bernardo. La notizia è stata riportata dall’Ansa.

“Si tratta di una specie tropicale entrata nel Mediterraneo attraversando il canale di Suez – ha spiegato Bernardo – È una medusa molto pericolosa e invasiva che lungo le coste israeliane, dove ha fatto la sua prima comparsa nel 1976, ha prodotto grossi danni alla pesca e al turismo. In seguito, ha raggiunto anche le coste turche e greche fino all’isola di Malta. Nelle acque italiane è arrivata nel 2015, quando è stata segnalata a Pantelleria e Cagliari, e l’anno seguente a Levanzo”.

“Stavo costeggiando la parete sinistra di Cala Rotonda- racconta il biologo – una bella insenatura sul lato occidentale dell’isola di Favignana quando è apparsa questa grossa medusa, simile al nostro comune e innocuo polmone di mare (Rhizostoma pulmo), ma con le braccia filamentose e priva del caratteristico bordino viola sull’ombrella. È stato sufficiente per capire che mi trovavo di fronte a una specie diversa, così ho scattato alcune foto che mi hanno permesso l’identificazione (confermata dal dottor Paolo Balistreri, esperto in specie alloctone). Anche se nel nostro mare siamo ancora a pochi casi isolati, l’elevato tasso riproduttivo e il forte potere urticante di questa medusa impongono un attento monitoraggio, per impedire possibili future invasioni”.

La medusa nomade è solo una delle oltre 800 specie ‘aliene’ entrate nel Mediterraneo attraverso Suez, con l’acqua di zavorra delle navi o rilasciate da acquariofili.