Fedez truffato da una finta avvocatessa

Le ha pagato di tutto: cene, bollette e persino la biancheria intima. Solo che la vittima credeva di saldare fatture relative a questioni legali.

Il truffato è un vip: Fedez. La truffatrice è una donna: Susanna Chiesa.

Quest’ultima si spacciava per avvocato. Per un po’ di tempo ha curato gli interessi del rapper che senza battere ciglio ha sempre pagato tutte le spese di cui la donna presentava il conto.

Spese evidentemente gonfiate per togliersi anche qualche ‘sfizio’.

E così oggi per lei è scattato l’arresto con la condanna a sette mesi di carcere e una multa di 400 euro per truffa ed esercizio abusivo della professione. Sì, perché l’avvocato Chiesa in realtà non era neanche un avvocato.

A rendere pubblica la vicenda è stata una nota inviata dall’ufficio stampa di Newtopia, l’etichetta discografica indipendente creata da j-Ax e Fedez nel 2013.

È stato l’attuale avvocato del rapper (Cristiano Magaletti, ndr) – comunica la nota – a mettere la pulce nell’orecchio del cantante, quando aveva notato, nelle fatture emesse da Susanna Chiesa, voci di spesa decisamente sproporzionate. Alcune indagini, svolte sempre dal legale, hanno consentito di appurare che la dottoressa Chiesa, che si era sempre spacciata con Fedez come avvocato, tale non era affatto: anzi, non era nemmeno praticante abilitata: ciononostante aveva preso somme a titolo di Cassa Forense e trattato questioni giuridiche anche di un certo rilievo”.

Ma non solo. “Approfittando della fiducia che il rapper riponeva in lei – continua la nota – la Chiesa gli aveva fatto pagare somme piuttosto elevate per spese che avrebbero dovuto riguardare questioni legali ed invece servivano a rimborsare spese personali della dottoressa: biancheria intima, cene, bollette del telefono e molto altro ancora”.

Fedez denuncia una truffa totale di 55 mila euro relativo al periodo 2010-2013.