Fidanzata strangolata a Udine, il movente è la gelosia?

Nadia Orlando
Nadia Orlando

La notizia del femminicidio di Palmanova, in provincia di Udine, ha sconvolto tutta l’Italia.

Come raccontato ieri, il 34enne Francesco Mazzega ha strangolato la sua fidanzata, la 21enne Nadia Orlando, e ha vagato per tutta la notte con il suo cadavere in auto fino a quando non ha deciso di costituirsi alla Polizia.

La zia dell’omicida, Antonietta Mazzega, raggiunta dai giornalisti di UdineToday.it, ha detto: “C’è lo zampino del demonio, ha perso la testa. Si tratta di un gesto inspiegabile, era un bravissimo ragazzo“. E ancora: “Almeno non ha fatto come tutti gli altri bastardi, non ha occultato il cadavere“.

Siamo una famiglia unita – ha aggiunto la zia (la sorella del padre di Francesco) – che ogni tanto si ritrova come tutte, e proprio in una di quelle occasioni Francesco aveva fatto conoscere la sua ragazza“.

Francesco Mazzega
Francesco Mazzega

Un anziano cugino della famiglia vittima, come si apprende da Leggo.it, ha rivelato un importante particolare per capire il movente dell’omicidio: “Il papà di Nadia era molto preoccupato: pochi giorni fa mi ha riferito il suo timore per questo fidanzato che aveva descritto come possessivo e geloso. Si era perfino commosso alle lacrime non sapendo come risolvere, dopo che la figlia gli aveva confidato il proprio disagio. Nemmeno si sentisse un simile epilogo“.