Figlio da uno studente 15enne, la professoressa: “La verità è un’altra”

La difesa ha chiesto l’assoluzione, la sentenza è prevista per il primo giugno.

Tribunale di Prato
Tribunale di Prato

«Purtroppo ce l’aspettavamo, ma la nostra verità è un’altra»: così commenta la professoressa di Prato che ha avuto un figlio da uno studente 15enne. Accusata di violenza sessuale, la Procura chiede la condanna a sette anni di reclusione.

La donna è imputata insieme al marito. I fatti risalgono a quando il ragazzo non aveva ancora 14 anni, avvenuti durante alcune ripetizioni di inglese. Ecco da dove nasce il reato. Il marito della 32enne è invece responsabile di aver assunto la paternità del bambino, nonostante fosse consapevole di non essere il padre naturale.

studente che studia
Il reato sarebbe stato commesso durante alcune lezioni private di inglese

LEGGI ANCHE: Cevher Toktaş uccide il figlio malato di Coronavirus: “Non lo amavo”

La vicenda è stata resa nota a marzo 2019, qualche mese dopo il parto. Le indagini della Squadra mobile sono iniziate subito dopo la denuncia dei genitori del ragazzo. Pare che la relazione sia maturata nel contesto di lezioni private. L’allora 31enne, dopo essere rimasta incinta, avrebbe deciso di tenere il bambino. Ha infatti avuto un figlio da uno studente 15enne, riconosciuto dal marito.

sentenza del giudice
La sentenza, già rinviata, è prevista per il primo giugno 2020

LEGGI ANCHE: Tenta di strangolare il cane dell’ex ragazza: la polizia lo arresta (VIDEO)

La famiglia del ragazzo, dopo aver appreso che la paternità era attribuita al proprio figlio, ha deciso di sporgere denuncia contro la professoressa per violenza sessuale. Le indagini da parte della Squadra mobile di Prato, in Toscana, sono state condotte nel massimo riserbo e adesso si attende la decisione del giudice. L’udienza, dopo un rinvio, è prevista per il prossimo primo giugno.

La donna, rappresentata dall’avvocato Mattia Alfano, ha accettato di fare l’esame del dna. L’accertamento è stato eseguito dalla polizia, che è stata anche nella sua abitazione per alcuni rilievi e per il sequestro di alcuni elementi necessari alle indagini. Adesso si attende la decisione del giudice e la sentenza di primo grado.

LEGGI ANCHE: Andare dal barbiere e pensare: “Ma quant’è bella la libertà?”