Filippo Magnini a Verissimo: “Ora sono finalmente libero”

Ospite di Silvia Toffanin il campione di nuoto si dice sollevato e pronto a sposare Giorgia Palmas.

Filippo Magnini
Filippo Magnini

Tra tutte le gare che ha affrontato e vinto, questa è certamente la più importante. Filippo Magnini a Verissimo esprime la sua contentezza circa l’assoluzione dalle accuse di doping. La decisione è arrivata dal TAS, la Corte di Arbitrato di Losanna.

«Ci sono voluti tre anni, ma la mia fiducia nella giustizia, ordinaria e sportiva, c’è sempre stata. Fino all’ultimo credevo e speravo di vincere: la verità è venuta fuori e ora finalmente sono libero»: queste le dichiarazioni del nuotatore.

Magnini ricorda che il tutto ha avuto inizio a giugno del 2017 e, visibilmente commosso, si dice felice di questo epilogo, una conclusione che aspettava da tempo. «Quella mattina è stato un brutto risveglio, non avrei mai pensato di vedere il mio nome associato al doping. Alcuni giornalisti mi hanno avvertito che sui giornali era uscita questa notizia: l’ho scoperto così e lì è iniziato il mio incubo»: ha detto.

Combattere conto un’ingiustizia è «un dolore pazzesco». E poi ha aggiunto: «Questa vittoria mi ha liberato, è come se fossi stato tre anni in galera. La ferita rimane comunque, ci vorrà ancora un bel po’ di tempo per ricucirla».

LEGGI ANCHE: Mahmood e Gabriele Esposito, amicizia o amore?

Infine, Filippo Magnini a Verissimo ha rivelato informazioni sui suoi impegni professionali: «Allenatore ancora non mi vedo, però penso di essere ancora un atleta. Vedremo se tornerò a nuotare, chissà…». Accanto allo sportivo è sempre rimasta anche la compagna Giorgia Palmas, presto sua moglie. L’annuncio lo hanno dato durante il periodo natalizio, con un post su Instagram.

Durante un’altra intervista il nuotatore ha detto: «Giorgia è arrivata a gennaio 2018, pochi mesi dopo l’accusa. Il nostro primo anno insieme è stato un periodo in cui ero mediaticamente distrutto, e lei è stata il mio angelo custode, mi ha aiutato ad aprirmi e, devo dire, ogni suo consiglio si è rivelato azzeccato».