Finti poliziotti rapinano campo rom, bottino da 50mila euro

È successo a Roma, nel campo nomadi di via Castel Giudice.

Due notti fa, a Roma, nel campo rom di via Castel Giudice c’è stata una rapina.

Si è appreso che quattro persone, anch’esse nomadi, armate di pistole e mazze hanno minacciato le famiglie del campo, rubando monili d’oro. Subito dopo sarebbero fuggiti.

Stando a quanto riportato dalle vittime, i quattro si sarebbero qualificati come appartenenti alle forze dell’ordine. Sul posto i poliziotti del Distretto Casilino.

Il bottino, come riportato da Repubblica, è stato di 50mila euro in gioielli.

I finti agenti sono andati a colpo sicuro perché sapevano che in una delle ‘abitazioni’ del campo rom c’erano molti soldi e oggetti preziosi. Inoltre, sapevano che nella zona non c’erano le telecamere di videosorveglianza.

Ai veri poliziotti, chiamati dai residenti nel campo nomadi, hanno detto: “Erano italiani, guidavano un’auto, ci hanno detto di essere della polizia, erano armati, ci siamo spaventati, ci hanno minacciato”.

Le forze dell’ordine sospettano che ci sia un informatore interno al campo rom perché i rapinatori sapevano bene dove andare per fare il colpo.

LEGGI ANCHE: Anziana muore di Covid-19 e i vicini le rubano 14mila euro.