Fiorella Mannoia: a giudizio la stalker della cantante

Ecco cosa ha dovuto subire Fiorella Mannoia da una 31enne ora sotto processo.

Lei cantava “Ci fanno compagnia, certe lettere d’amore…”, ma quando diventano i contatti continui di una fan ossessiva, persino Fiorella Mannoia perde la pazienza e ricorre all’aiuto della giustizia.

Pedinamenti continui, ore appostata sotto casa a suonare al citofono, squilli nel cuore della notte e ancora lettere, sms, continue richieste di soldi e biglietti per i concerti fino all’ultimo episodio, conclusosi con l’arresto da parte dei carabinieri: i calci alla porta di casa della cantante.

Per questo ora è a processo una donna di 31 anni, accusata di essere la stalker di Fiorella Mannoia. Una fan fin troppo opprimente che, una sera dello scorso luglio, ha iniziato a tirare calci contro la porta di casa della Mannoia e poi addirittura ad usare una panca come ariete nel tentativo di sfondarla ed essere ricevuta dall’artista che, invece, non ha esitato a chiamare le forze dell’ordine che hanno finalmente fermato la donna.

LEGGI ANCHE: Matteo Salvini diventerà papà per la terza volta?

Ora l’imputata si trova agli arresti domiciliari presso una struttura Rems per curare la sua ossessione: durante un interrogatorio si è giustificata sostenendo di “voler essere solo un’amica della Mannoia, non una sua nemica”.

Secondo il pm Eleonora Fini, la donna ha sviluppato “una pericolosa ossessione per l’artista”, come riferisce Il Messaggero, e ha continuato a perseguitare Fiorella Mannoia nonostante fosse già stata sottoposta a un divieto di avvicinamento.

È una donna fragile – ha detto il suo legale al quotidiano romano -. Ha chiesto scusa alla cantante. Le ha scritto anche una lettera. Contiamo su un segnale dell’artista”. La cantante però l’aveva denunciata più volte nel corso degli ultimi mesi, spaventata dai comportamenti persecutori di quella fan che era arrivata addirittura a infastidire anche sua sorella e sua nipote chiedendo soldi o biglietti per avere un posto in prima fila ai suoi concerti.

LEGGI ANCHE: Gruppi LGBT convincono catena di fast food a interrompere donazioni a opere cristiane.

Fiorella Mannoia

Il giorno in cui la stalker è stata arrestata, lo scorso 1 agosto, la Mannoia ha scritto sui suoi social network: “È successo quello che non avrei mai voluto succedesse, ma la ragazza non mi ha dato scelta. Sono anni che cerco di arginare questa sua ossessione, non c’entrano i concerti, né i biglietti, eccetto il giorno in cui è venuta a casa mia cercando di buttare giù la porta, non me li aveva mai chiesti. La sua ossessione era entrare nella mia vita. Sono cose dolorose, che non avrei mai voluto rendere pubbliche, perché derivano da un disturbo. Mi dispiace per lei, per me, per la sua famiglia e per la mia e per tutti quelli coinvolti in questa triste storia“.

LEGGI ANCHE: Gioca tutta la notte al telefono e perde la vista.