Fisco, cartelle di Equitalia non pagate: prelievi direttamente dal conto corrente

I contribuenti si vedranno scalare l’importo dal conto corrente. I dettagli.

Equitalia
Società incaricata della riscossione dei tributi sul territorio nazionale

Adesso il Fisco potrà prelevare direttamente dal conto corrente l’importo pari all’ammontare del debito del cittadino. Si tratta di un pignoramento che metterà in atto Equitalia e riguarderà non solo le tasse.

Multe, bolli auto, contributi Inps, imposte varie ed eventuali: se abbiamo un debito con lo Stato, questo è il modo in cui risponderà. Anche se non è necessario il benestare da parte del tribunale, il recupero non è immediato e non avverrà automaticamente.

Equitalia
Società incaricata della riscossione dei tributi sul territorio nazionale

LEGGI ANCHE: Tasse e pignoramenti dal conto corrente: come stanno le cose?

Innanzitutto il contribuente riceverà avvisi e solleciti di pagamento. Poi avrà 60 giorni di tempo per mettersi in regola: versando subito l’intero importo, chiedendo la rateizzazione o facendo ricorso. Solo dopo che nulla di tutto questo sarà fatto, Equitalia sarà autorizzata a procedere con il pignoramento.

La società ci ha tenuto a precisare: «La norma sui pignoramenti senza ricorso al giudice è in vigore già dal 2005». Nulla di nuovo allora? No, cambia qualcosa. E precisamente la quantità di informazioni sui consumatori a cui il riscossore potrà accedere e che prima, invece, era riservata solo all’Agenzia delle Entrate.

Fisco
Controllo sui conti correnti dei contribuenti

LEGGI ANCHE: Non depositano i regali del matrimonio: il Fisco multa la coppia

Un dettaglio che allarma le società dei consumatori: «Siamo soltanto di fronte a un netto peggioramento delle garanzie dei contribuenti di fronte ai Dracula del Fisco», ha commentato Elio Lannutti, presidente dell’Adusbef – Associazione Difesa Utenti Servizi Bancari, Finanziari, Assicurativi.

L’agenzia di riscossione, dal canto suo, prova a rassicurare i contribuenti preoccupati. Grazie alla sinergia tra Equitalia e Agenzia delle Entrate, infatti, i pignoramenti sarebbero «mirati» e limitati. In caso di più conti correnti intestati alla stessa persona, poi, il Fisco punterà solo a quello che consente di prelevare gli importi dovuti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, quanti soldi sta mettendo in campo l’Unione Europea?