Addio a Flavio Bucci, l’indimenticabile Ligabue della TV

L’attore è morto all’età di 73 anni a Fiumicino.

Lutto nel cinema italiano. È morto, all’età di 73 anni, l’attore torinese Flavio Bucci. Lo ha comunicato, in un post condiviso su Facebook, il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino. Bucci, infatti, da anni risiedeva a Passoscuro.

Il sindaco sul social media ha scritto: «Quando un artista se ne va lascia sempre un gran vuoto. Mi dispiace molto della scomparsa dell’attore Flavio Bucci, che da anni risiedeva a Passoscuro. Tutti lo ricordano in alcuni suoi ruoli memorabili in film altrettanto indimenticabili: penso al ‘Marchese del Grillo’, accanto a Sordi, a ‘Suspiria’ del maestro del terrore Dario Argento, a ‘Il divo’ di Paolo Sorrentino, solo per citarne alcuni».

Il sindaco di Fiumicino ha descritto Bucci come un grande «caratterista, di quelli che hanno fatto grande la cinematografia italiana. Esprimo le condoglianze mie e dell’Amministrazione ai familiari e amici».

Bucci, nato da una famiglia di origine molisana e pugliese, si è formato professionalmente presso la Scuola del Teatro Stabile di Torino ed è stato chiamato al cinema dal regista Elio Perri, diventando il protagonista del film La proprietà non è più un furto del 1973.

Il successo avvenne nel 1977 con lo sceneggiato televisivo della Rai Ligabue, diretto da Salvatore Nocita. Bucci fece parte anche del cast della Piovra del 1984, diretto da Damiano Damiani.

Un altro ruolo celebre è quello del prete don Bastiano in Il marchese del Grillo di Mino Monicelli del 1981, con Alberto Sordi.

Flavio Bucci è stato sposato con Micaela Pignatelli, da cui ha avuto due figli: Alessandro e Lorenzo. L’attore ha anche avuto un terzo figlio ma con la produttrice olandese Loes Kamsteeg.

È morto in seguito a un infarto.

LEGGI ANCHE: Addio a Capitan Findus, l’attore Carlo Cattaneo è morto all’età di 68 anni.