Foggiano, uomo spara alla moglie e all’amica, poi si toglie la vita

È accaduto nelle campagne della cittadina di Cerignola. La coppia era italiana, l’altra vittima una donna rumena.

Omicidio-suicidio nelle campagne di Cerignola, cittadina pugliese in provincia di Foggia. A perdere la vita sono stati un uomo e una donna, mentre un’altra donna è in gravi condizioni in ospedale.

L’omicida è Francesco Ciuffreda, agricoltore di sessantacinque anni. Secondo una prima ricostruzione, stamattina nel cortile esterno di un casolare di sua proprietà, l’uomo avrebbe sparato alla moglie Giuseppina Pontone con una pistola regolarmente registrata, ferendola alla testa. Non è ancora chiaro se il fatto sia stato accidentale o intenzionale.

In soccorso della donna sarebbe accorsa Luminita Brocan, rumena di 53 anni e custode (insieme al marito) del casolare dei coniugi Ciuffreda. A quel punto l’uomo le avrebbe sparato colpendola mortalmente. Poi, avrebbe rivolto la pistola contro di sé suicidandosi con un colpo alla testa.

Il primo ad intervenire perché allertato dai colpi di arma da fuoco è stato il marito della Brocan che ha subito chiamato il figlio della coppia italiana. Una volta arrivato sul posto è stato quest’ultimo a soccorrere la madre portandola in ospedale. Le condizioni della donna sarebbero critiche.

Nel frattempo i Carabinieri stanno effettuando i rilievi del caso per capire l’esatta dinamica e il movente che ha spinto Francesco Ciuffreda a commettere l’insano gesto. Un movente difficile da trovare dal momento che non sono mai state registrate situazioni di contrasto all’interno della coppia o con il vicinato.

LEGGI ANCHE: Ilary Blasi: “La storia con Totti era destinata a finire”.