Forte scossa di terremoto in provincia di Macerata: segnalati danni

Forte scossa di terremoto in provincia di Macerata.

Il sisma è avvenuto alle 5.11 con epicentro a 2 chilometri da Muccia (900 abitanti circa): magnitudo 4.7 e ipocentro a 9 chilometri di profondità.

L’epicentro dista 53 chilometri da Perugia, 65 da Terni e 85 da L’Aquila.

La scossa ha fatto crollare il piccolo campanile della Chiesa del Seicento di Santa Maria di Verano a Muccia. Lo ha riferito il sindaco Mario Baroni che ha spiegato anche che sono in corso verifiche per capire se ci siano stati altri danni sulle poche case rimaste agibili nel Paese.

Oltre 10 le repliche, tre delle quali di magnitudo superiore a 3, come riportato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV): 3.5 alle 5.46 e 6.03.

Notevoli ulteriori danni” sono stati riscontrati a Pieve Torina, come dichiarato dal sindaco Alessandro Gentilucci.

Il Capo della Protezione Civile si è recato sul posto per un incontro con i sindaci.

Trenitalia ha sospeso a scopo precauzionale la circolazione lungo la linea interna Civitanova Marche – Macerata per effettuare controlli sulla tenuta dei binari.

Registrata anche una scossa di magnitudo 3.3. all’Aquila, con epicentro a Ocre, comune di 1000 abitanti circa. Non sono stati segnalati danni a cose e/o persone.