Francesca Maione, morta folgorata sotto la doccia: nuovo indagato

Anche il tecnico che ha installato l’impianto elettrico è nel registro degli indagati.

Francesca Maione folgorata
Francesca Maione

Francesca Maione è morta folgorata sotto la doccia il 15 maggio scorso. Nel registro degli indagati è finito subito il padre, che avrebbe fatto fare dei lavori in casa senza rispettare le norme sulla sicurezza.

Ma c’è un’altra novità, un nuovo indagato: il tecnico che ha installato l’impianto non a norma rispetto alle leggi vigenti in materia. La tragedia si è consumata a Celle di Bulgheria, frazione Poderìa, in provincia di Salerno.

La 27enne, quel giorno, era rientrata da poco a casa. Era andata in bagno per fare una doccia dopo una lunga giornata fuori. A un certo punto è saltata la corrente. I genitori, sentito un forte rumore, sono corsi in bagno per capire cosa fosse successo, se loro figlia stesse bene.

L’immagine che si sono ritrovati davanti è stata quella di Francesca per terra. Hanno chiamato subito il 118, i soccorsi sono arrivati tempestivamente, ma non hanno potuto fare altro che constatarne la morte.

Francesca Maione folgorata

LEGGI ANCHE: Bimbo di 5 anni precipita da 8 metri: non è in pericolo di vita

Francesca Maione se n’è andata a soli 27 anni, molto probabilmente a causa di un guasto all’impianto elettrico. È stato questo il punto di partenza delle indagini delle forze dell’ordine, che hanno iscritto subito nel registro degli indagati il padre della vittima. La ragione sarebbe riconducibile ha un intervento artigianale effettuato proprio da lui qualche giorno prima di quel maledetto 15 maggio.

Nel corso delle indagini, però, pare sia emersa un’altra responsabilità. Anche il tecnico che ha installato l’impianto potrebbe aver commesso degli errori che hanno portato al guasto e al decesso della ragazza.

Il 16 giugno, a un mese dall’accaduto, si sono svolti gli accertamenti tecnici irripetibili all’interno dell’appartamento. Sono stati disposti dalla Procura di Vallo della Lucania, in presenza anche dei carabinieri, al fine di fare chiarezza sulle cause della morte di Francesca.