Francesca Verdini, le urla per strada: “Il mondo mi terrorizza”

La fidanzata di Matteo Salvini racconta la sua disavventura per le strade deserte della Capitale.

Francesca Verdini e Matteo Salvini
Francesca Verdini e Matteo Salvini

Un uomo disperato che le chiede del denaro, poi le urla. Francesca Verdini, legata sentimentalmente al senatore Matteo Salvini, ha avuto paura per la propria incolumità.
A mente lucida commenta: «Non è successo niente, e forse non era neanche pericoloso, ma solo arrabbiato. Ho avuto paura».

Il suo post sui social, scritto di getto, ha fatto il giro del web. Sulle strade vuote di Roma dice: «Questa versione del mondo vuota sta iniziando a terrorizzarmi». Uscita per vedere se riusciva a trovare dei rametti di ulivo alla chiesa vicino casa, vede un uomo suonare nervosamente a un campanello. Prosegue lungo la strada e, una volta vicini, nota di essere fissata.

Francesca Verdini e Matteo Salvini
Francesca Verdini e Matteo Salvini

LEGGI ANCHE: Positivo al Coronavirus dopo 30 giorni: i protocolli sono efficaci?

«Non so perché ho avuto un secondo di paura. Abbasso gli occhi e proseguo. Mi grida qualcosa. Proseguo»: continua il racconto di Francesca Verdini. E ancora: «Grida più forte con tono arrabbiato, ma non lo capisco. Però mi fermo; siamo solo io e lui. Prego?»

«Urla ancora più forte e molto arrabbiato, ancora non capisco, ma intuisco che mi chiede soldi, perché mi sventola sguaiatamente un bicchiere e delle sue parole distinguo chiaramente “un euro, un euro”. Ho solo la carta e comunque molta paura, “scusa, non ho niente e proseguo”».

Continua a raccontare: «Ho abbastanza paura per non capire per più di qualche secondo che cosa fare. Ho continuato ad accelerare il passo, ma la voce era sempre troppo vicina. Non so quando, ho iniziato a correre. E finalmente la voce si è fatta mano a mano sempre più lontana».

Sperava di incontrare qualcuno lungo il tragitto per tornare a casa. Attimi di paura, in un momento in cui le strade cittadine assumono un’aria surreale. Per fortuna solo un brutto spavento per la compagna di Matteo Salvini, e probabilmente tanta esasperazione da parte dell’uomo.

«All’improvviso ho realizzato perché è tanto importante vedere i nostri vicini che cantano e salutano; perché abbiamo bisogno di speranza. In tutte le sue forme. Ma in qualsiasi forma la vediamo, la speranza è umana e si trova solo attraverso le persone. È sempre così ovvio, ma sempre così poco evidente; Nessuno si salva da solo. Neanche quel signore arrabbiato»: chiude il post di Francesca Verdini.

LEGGI ANCHE: Matteo Salvini diventerà papà per la terza volta?