Gennaro Arma, il Comandante eroe della Diamond Princess

Gennaro Arma, il comandante della Diamond Princess, ha commosso il mondo scendendo per ultimo dalla nave.

Gennaro Arma ha mantenuto la promessa: il comandante della nave da crociera Diamond Princess, ormeggiata al largo di Yokohama dall’inizio di febbraio a causa dell’emergenza Coronavirus (a bordo ci sono stati 700 casi e 6 decessi), è sceso per ultimo dall’imbarcazione.

La vicenda della Diamond Princess e la scelta del suo capitano

Come già detto, la nave Diamond Princess è stata al centro dell’attenzione mondiale per via dell’emergenza Coronavirus. Il comandante della nave da crociera è sceso a terra ieri dopo che tutto l’equipaggio aveva abbandonato la nave.

Le operazioni di sbarco hanno avuto inizio il 27 febbraio. Gli ultimi passeggeri sono scesi a terra ieri. Tra loro ci sono 70 cittadini indonesiani che sono stati rimpatriati grazie a un charter mandato dalle autorità del loro Paese. Come ben si sa, sulla Diamond Princess c’erano anche diversi italiani.

Le persone considerate a rischio sono state fatte sbarcare e messe immediatamente in quarantena in una struttura ad hoc situata in una città a nord di Tokyo. Qui resteranno per due settimane. Se una volta trascorso questo lasso di tempo risulteranno negative al tampone, avranno la possibilità di lasciare il Giappone.

LEGGI ANCHE: 40enne guarisce dal Coronavirus ma poi è stata contagiata di nuovo

Il comandante eroe

Come già accennato, Gennaro Arma ha lasciato la nave una volta completate le operazioni di sbarco. Il comandante è stato definito un eroe dalla compagnia per cui lavora. Ringraziamenti sono arrivati anche dalle autorità nipponiche e dal Ministro della Salute del Sol Levante. Come riferito dal titolare di questo dicastero, la nave verrà ora disinfestata. Una volta completata questa operazione, rimarrà ancorata nelle acque del porto di Yokohama per un periodo di manutenzione.

Come poco fa accennato, dall’inizio di febbraio ad oggi si sono verificati 6 decessi. I primi a perdere la vita sono stati due turisti giapponesi, una coppia di ultraottantenni. Bloccata dallo scorso 3 febbraio, la nave ha visto solo due giorni dopo i passeggeri sottoposti a misure di isolamento in cabina.

LEGGI ANCHE: Crociera da incubo nel Nord Europa: ecco cosa è successo