Germania, il tasso di contagio è salito dopo la fine del lockdown

Lo ha riportato il Robert Koch Institute, l’istituto per il controllo delle malattie.

In Germania è risalito a 1 il tasso di contagio R0 del coronavirus, dopo che nei giorni scorsi era stato registrato allo 0,9. Lo riferisce il Robert Koch Institute, l’istituto per il controllo delle malattie, citato dall’agenzia di stampa Dpa.

Il rapporto dell’istituto arriva nel momento in cui la Germania sta cercando di far ripartire l’economia e la vita pubblica. Secondo alcuni esperti, il tasso di contagio salirà di nuovo in modo esponenziale nel caso in cui dovesse superare l’1.

Come riportato da LaPresse, il tasso di contagio era sceso a 0,7 prima che la Germania allentasse le restrizioni il 20 aprile, consentendo l’apertura di piccole imprese, mantenendo al contempo le distanze sociali. Ma è troppo presto per dire se questa mossa abbia portato all’aumento del tasso di contagio.

Lothar Wieler, presidente del Robert Koch Institute, ha affermato che «l’R0 è ora 0,96». Le autorità hanno riferito di voler provare a mantenerlo al di sotto di 1 per mantenere la pandemia gestibile per il sistema sanitario. Wieler ha dichiarato che la Germania registra attualmente circa mille nuovi contagi al giorno, mentre il paese conta in totale 160mila casi e circa 6mila morti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, quali sono le cellule più a rischio di essere attaccate?

Elisa Pirro del MoVimento 5 Stelle, capogruppo in Commissione Igiene e Sanità del Senato, in una nota ha affermato: «In questa fase è fondamentale stare attenti. Quello che è successo in Grmania dove sta risalendo l’indice di contagio non appena sono entrate in vigore le misure di allentamento, conferma che la gradualità e la prudenza sono la strada giusta. È chiaro che tutti vogliamo ripartire, ma in questo momento un passo falso potrebbe causare dei problemi ben più gravi di aperture fatte in modo scaglionato. Il presidente del Consiglio e il governo stanno agendo in modo responsabile e chi oggi sfida la pazienza dei cittadini in modo sguaiato solo per fare propaganda commette un errore imperdonabile».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, fase 2: Vescovi contro il Governo ma il Papa…