GF16, spunta la madre biologica di Serena Rutelli

Nella puntata di stasera Serena dovrà decidere se leggere o meno la lettera che la madre biologica le ha inviato.

Serena-Rutelli-GF16

La puntata di stasera del ‘Grande Fratello’ promette scoppiettanti colpi di scena. A tenere incollati alla tv i telespettatori, infatti, non sarà soltanto l’evoluzione della confessione imbarazzante di Francesca De Andrè in merito al padre Cristiano. Un’altra inquilina della casa più spiata d’Italia, fra poche ore, avrà i riflettori puntati su di lei. Stiamo parlando di Serena Rutelli.

La figlia (adottiva) di Barbara Palombelli e Francesco Rutelli riceverà in diretta una notizia che potrebbe turbare la sua permanenza a Cinecittà e mettere a soqquadro la sua vita una volta finita l’esperienza del reality.

In redazione è arrivata per lei una lettera della madre biologica. Ad annunciarlo è stata Barbara D’Urso durante Domenica Live che ha precisato che la concorrente del reality non ne è a conoscenza.

Serena – ha spiegato la Carmelita nazionale – non ha mai conosciuto la madre biologica e domani le chiederemo se vuole leggere questa lettera oppure no. Ovviamente la prima cosa che abbiamo fatto è stata avvertire Barbara Palombelli e Francesco Rutelli che da genitori molto intelligenti e comprensivi hanno detto che fa parte del percorso di crescita di Serena decidere se ascoltare la lettera. Lo sapremo domani”.

Insomma, al momento non si conosce il contenuto della missiva ma sembra verosimile che i genitori biologici di Serena e della sorella Monica (anch’ella adottata dalla Palombelli e da Rutelli) vogliano riavvicinarsi alle figlie.

Serena e Monica – lo ricordiamo – furono abbandonate dalla mamma quando erano ancora piccole a causa delle condizioni precarie in cui viveva. Poco dopo il padre naturale le abbandonò in una casa famiglia. L’adozione arrivò quando Monica aveva 4 anni e Serena 6. A ricordare quel momento di passaggio fu Monica in una intervista al settimanale ‘Di Più’.

Ricordo che ci portarono al luna park – raccontò – e fu bellissimo. Ricordo l’arrivo a casa, una casa grande con il giardino. Ricordo che mia sorella e io ci sentivamo ricoperti di luce, sentivamo che qualcuno ci amava e ci voleva. Non eravamo più sole. Inizialmente eravamo spaesate, confuse. Siamo anche state seguite da uno psicologo, che ci ha aiutato a inserirci nella nostra nuova famiglia. Ci è voluto un po’ di tempo per sbloccarci del tutto e per considerare Barbara e Francesco come nostri genitori. Solo dopo qualche tempo abbiamo iniziato a chiamarli mamma e papà, e ci siamo sentite meglio”.

Leggi anche: GF16, Lemme shock: “Se i miei figli morissero…”.

Seguici anche su Google News: