Gianna Nannini senza veli: “Ho amato uomini e donne”

Gianna Nannini

Parla senza peli sulla lingua Gianna Nannini. La schiettezza è il suo marchio di fabbrica e lo mette in bella mostra anche sulle colonne del Corriere della Sera. Ad intervistarla è Aldo Cazzullo che non ha timore a chiedere alla rockstar anche della sua vita privata e soprattutto dell’amore.

E se lei non ha problemi a raccontare degli “urti terribili” con suo padre, delle canne fumate agli esordi per “trovare il ritmo giusto nel canto” e dell’incidente nella pasticceria di famiglia che le costò le falangi del medio e dell’anulare della mano sinistra, con altrettanta nonchalance parla della sua vita affettiva.

Ho amato uomini e donne – dice – sono pansessuale. Per me l’amore è consonanza di spirito, che è molto più importante del sesso”.

E così si abbandona ai ricordi. Dal “dolore terribile” provato quando a 14 anni fu lasciata dal primo fidanzato tutto “baci e balli lenti” alla sua prima volta a Milano con un campione di moto.
Dai flirt durante le tournée, all’amore per le sue due donne attuali: la figlia Penelope e la compagna Carla che ha sposato a Londra.

Non credo al matrimonio – confessa – ma conosco Carla da quarant’anni, e ho in lei totale fiducia. Se non ci fosse Penelope, mia figlia, non avrei mai fatto questo passo. Ma se mi succede qualcosa, Penelope per la legge italiana non avrebbe nessuno. In Inghilterra Carla la può adottare”.

E in chiusura di intervista, la cantante toscana non ha paura di esporsi politicamente.

Lo conosco da ragazzino (Matteo Renzi, ndr), faceva il runner ai miei concerti, lo spicciafaccende. Credo fosse un po’ mio fan. È uno che ha voglia di fare. Ma al referendum, se fossi stata in Italia, avrei scelto il No”.

E Grillo? “Ganzo. L’ho votato. Lo conosco da tempo, abbiamo anche cantato insieme. Dice cose vere, che sa”.