Giulio Berruti, fidanzato di Maria Elena Boschi, vaccinato a 36 anni, ecco perché

L’attore ha spiegato il motivo su Instagram.

  • Giulio Berruti, fidanzato di Maria Elena Boschi, si è vaccinato contro il Covid a 36 anni.
  • All’attore è stata somministrata la prima dose.
  • Berruti ha condiviso la foto su Instagram.

Giulio Berruti, fidanzato di Maria Elena Boschi, è stato vaccinato contro il Covid-19 a 36 anni (è nato a Roma il 27 settembre 1984). A comunicarlo è stato lui stesso con una foto pubblicata su Instagram.

Berruti, le polemiche sul vaccinno e il chiarimento

Nella foto condivisa l’11 aprile 2021 da Giulio Berruti, si vede l’attore, in mascherina, ritratto nel momento in cui gli viene inoculato nel braccio il siero.

Lo scatto, accompagnato dalla caption “Prima dose fatta” e dagli hashtag #vaccinatevi e #senzapaura, è stato accolto da non poche polemiche da parte dei follower (oltre 370mila). C’è chi ha fatto leva sulla sua giovane età e chi, invece, ha chiamato in causa la situazione di persone in situazioni fragili – p.e. i tumori – non ancora vaccinate.

LEGGI ANCHE: Chi sono e cosa fanno i figli di Ornella Muti?

A spiegare il motivo della somministrazione della dose di vaccino anti Covid ci ha pensato l’attore stesso nelle Stories di Instagram.

Mentre lavoravo come attore per pagare le mie spese, ho studiato come dentista per 11 anni e preso una specializzazione in ‘Estetica del sorriso e ortodonzia’. Mentre giro i film, lavoro ancora come dentista per rimanere informato su come le tecniche stanno evolvendo.

A un commento che metteva in primo piano un’accusa di spettacolarizzazione della vaccinazione, il fidanzato di Maria Elena Boschi – la coppia è affiatatissima e ha progetti impotanti per il futuro – ha risposto con queste parole.

Prevale la voglia di spiegare alle persone con l’esempio che la scienza e la medicina, per quanto inesatte, saranno sempre meglio di qualche blog complottista o di strampalate teorie da bar sulla pericolosità assoluta dei vaccini.

LEGGI ANCHE: Miguel Bosè e il Covid-19: “Sono negazionista” e ne è fiero