Giuseppe Conte si dimette, domani al Quirinale: ora è ufficiale

La nota di Palazzo Chigi.

Domani mattina, martedì 26 gennaio, alle 9, è stato convocato il Consiglio dei ministri. Alla riunione il presidente Giuseppe Conte comunicherà le due dimissioni.

In una nota di Palazzo Chigi, infatti, si legge: «È convocato per domani mattina alle ore 9 il Consiglio dei Ministri nel corso del quale il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, comunicherà ai ministri la volontà di recarsi al Quirinale per rassegnare le sue dimissioni. A seguire, il Presidente Conte si recherà dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella».

Nicola Zingaretti, leader del Partito Democratico: «Con Conte per un nuovo Governo chiaramente europeista e sostenuto da una base parlamentare ampia, che garantisca credibilità e stabilità per affrontare le grandi sfide che l’Italia ha davanti».

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia: «Bollettino lunedì 25 gennaio: l’Italia rischia di essere esclusa dai giochi olimpici di Tokyo 2021; le imprese sono in ginocchio e i ristoratori manifestano in piazza; l’Europa bacchetta l’Italia per i ritardi sul Recovery Fund; emerge un buco da quasi 16 miliardi nei conti dell’Inps; un milione e duecentomila lavoratori sono ancora in attesa della cig che non arriva. Cosa fa il Governo davanti a tutto questo? Passa l’intera giornata a occuparsi di beghe di Palazzo. Conte sì, Conte no, Conte ter. Dimissioni sì, Dimissioni no, Dimissioni domani. L’Italia non si merita questo schifo».

Infine, alla luce delle dimissioni di Conte, salterebbe, il voto delle Camere sullo stato della Giustizia.  Il voto sulla relazione del ministro Alfonso Bonafede era previsto per il Senato mercoledì 27 gennaio e si ipotizzava uno slittamente al giorno seguente, giovedì.