Gli alieni sono tra noi. Rivelazione shock dell’FBI

Vengono in pace, ma potrebbero annientare la specie umana. Sono gli extraterrestri. Ad affermarlo non è l’ufologo di turno, bensì una voce autorevole: l’FBI.
Circola in rete, infatti, un documento rivolto a scienziati e autorità militari (chiamato memorandum) che sembrerebbe essere stato prodotto proprio dall’FBI. Ma il condizionale è d’obbligo, dal momento che non ci sono né conferme né smentite in merito a questa “fuga di notizie”. E perché il tutto viene fatto ruotare attorno ad un documento ciclostilato dell’8 luglio 1947 (che spunta periodicamente) e che descrive alieni e astronavi.

E infatti, nel memorandum che circola in questi giorni, vi è scritto che gli alieni visitano la terra proprio dal lontano 1947 (anno in cui le cronache raccontano della caduta di una navicella spaziale nel deserto di Roswell, in New Mexico).

Le astronavi, si legge, trasportano veri e propri equipaggi e sono sotto controllo remoto, cioè sono telecomandate. Anche se le navicelle sono provviste di “raggi di energia” capaci di disintegrare qualunque cosa, arrivano sulla terra in “missione pacifica” per visitarla in vista di un possibile trasferimento dal loro “Mondo Etereo”. Gli E.T., infatti, non abiterebbero su un Pianeta come lo intendiamo noi, ma in luogo situato in un’altra dimensione. Riuscirebbero ad arrivare sulla Terra grazie ad alcuni varchi spazio-temporali.

Infine ci sono anche informazioni su aspetto e intenzioni dei “visitatori”: hanno fattezze umane, ma sono giganteschi.

Bufala o verità? Ai posteri l’ardua sentenza.