Gli anziani con un cane hanno una salute migliore

Secondo un nuovo studio britannico, gli adulti con più di 65 anni che hanno un cane come animale domestico tendono a trascorrere 22 minuti in giorno più in piedi rispetto a chi non ne possiede.

E ciò, naturalmente, ha degli ottimi benefici sulla salute: riduce, infatti, il rischio di malattie cardiache e di diabete di tipo 2. Ma non solo.

Alcuni esperti, quindi, suggeriscono ai medici generici di incoraggiare gli anziani ad avere un cane per mantenersi in forma.

Lo studio ha coinvolto circa 80 pensionati con un’età media di 70 anni, appartenenti a tre regioni del Regno Unito, la metà dei quali con un cane.

I dati della ricerca sono stati raccolti durante tre diversi periodo di tempo: da marzo a giugno; da luglio a ottobre; da novembre a febbraio.

Per, poi, rendere i risultati più veritieri possibili, sono state raccolte altre informazioni come altezza, peso, stato di salute generale, capacità di camminare; nonché altre che riguardavano i cani: razza, peso, durata della proprietà…

anziano-cane

I risultati hanno, quindi, mostrato che i proprietari dei cani camminano 22 minuti più a lungo ogni giorno.

Lo studio ha, inoltre, appurato che gli anziani con un cane compiono quotidianamente almeno 10.000 passi, ovvero il 38% in più rispetto a chi non ha un animale.

Per di più, questi anziani con cane al seguito hanno trascorso 19 minuti al giorno in meno seduti rispetto a chi non ne possiede uno.

Di conseguenza, essendo questi anziani più ‘allenati’ rispetto agli altri, è stata riscontrata una riduzione dei diabete di tipo 2 del 40%, nonché del rischio di malattie cardiache, demenza, cancro al seno e all’intestino.

Insomma, avere un cane come amico non fa bene solo al cuore ma anche al corpo!

Leggi anche: perché diciamo ‘fa un freddo cane’?