Gli rubano auto, individua il suo sospetto e lo aggredisce: arrestato

Un 29enne di Alezio (Lecce), Ivano Iannotta, è stato arrestato per avere rotto una gamba a un 48enne, perché sospettato di avergli rubato l’auto appena comprata.

Ne dà notizia Il Quotidiano di Puglia.

Il giovane poco temo fa ha acquistato un’auto nuova, una Hyundai i20, scomparsa di notte, mentre era parcheggiata in strada.

Esasperato, il ragazzo cerca di farsi giustizia da sé e se la prende con chi ritiene essere il responsabile del furto, nonostante al momento non ci siano prove tali da inchiodarlo: un 48enne del posto.

Una volta individuato, Iannotta incontra il presunto ladro e ne chiede la restituzione. “A un certo punto avrebbe anche ottenuto una parziale confessionale – si legge sulla testata giornalistica pugliese – e avrebbe offerto del denaro per avere la vettura indietro“.

I giorni, però, passano e dell’auto non c’è traccia. Il derubato, quindi, nella mattina di ieri – sabato 29 luglio – raggiunge il 48enne in una piazza e, al culmine di una lite, lo colpisce con una chiave per i pneumatici, rompedogli la gamba.

L’uomo chiama i soccorsi e viene trasportato all’ospedale di Gallipoli, dove gli riscontrano la frattura di tibia e persone con una prognosi di 45 giorni.

Il ‘giustiziere’, invece, è finito ai domiciliari per lesioni personali aggravate e possesso di arnesi atti ad offendere. Tra l’altro, il 29enne era già noto alle forze dell’ordine, perché accusato, insieme ad altre 7 persone, del furto di 500 quintali di legna.