Gli USA: “Abbiamo le prove che è stato Assad a usare le armi chimiche”

Gli Stati Uniti d’America hanno annunciato di possedere le prove che l’attacco con armi chimiche in Siria è stato condotto dal governo di Damasco.

Lo ha detto Heather Nauert, portavoce del Dipartimento di Stato americano.

Nelle ultime ore più di un’indiscrezione sui media parla di campioni biologici prelevati a Duma, in cui sono state trovate tracce di cloro e gas nervino.

L’ALTRA CAMPANA

Dal canto suo, il ministero della Difesa russo ha affermato di “aver trovato le persone che hanno preso parte alla messinscena dell’attacco chimico“, avvenuto il 7 aprile scorso.

Il portavoce del ministero ha detto che “siamo certi che dal 3 al 6 aprile sui rappresentanti dei cosiddetti Caschi Bianchi sono state fatte fortissime pressioni da Londra perché realizzassero il prima possibile la provocazione che era stata già preparata“.

Inoltre, “lo scopo era indurre gli USA a colpire la Siria“, asserendo di avere prove a riguardo.

Karen Pierce, ambasciatrice britannica alle Nazioni Unite, ha definito l’affermazione una “sfacciata menzogna“.