Gonfiori addominali e problemi digestivi? Forse non è colpa del glutine

Tutta colpa del glutine? Non sempre. È ora di sfatare un mito. I problemi intestinali sono sempre causati dal glutine. Se soffriamo di ricorrenti gonfiori addominali o difficoltà digestive non siamo necessariamente ‘sensibili’ al glutine, soprattutto se non ce l’ha detto un medico, ma ci siamo auto-diagnosticati l’intolleranza.

La causa del problema potrebbero essere i fruttani. Si tratta di un particolare tipo di carboidrati contenuto non soltanto nei cereali, ma anche nei legumi, in alcune varietà di frutta (pesche, cachi, cocomero, melagrana e pompelmo), verdura (carciofi, aglio, cipolla, porro, scalogno, asparagi, cavoli, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, finocchi, piselli, mais) e frutta secca oleosa.

Lo ha rivelato uno studio dell’Università norvegese di Oslo in collaborazione con la Monash University in Australia. I test sono stati condotti su un campione di 59 persone non celiache alle quali, per diverso tempo, sono state fatte mangiare delle barrette di muesli: alcune contenevano glutine, alcune fruttani, altre erano prive di entrambi i composti.
Al termine dell’esperimento è stato rilevato che il gonfiore addominale era stato riscontrato mangiando le barrette contenenti solo fruttano.

Tuttavia l’esperimento non dimostra che il glutine sia sempre ‘innocente’. Per questo motivo, nel caso si sospetti una sensibilità nei confronti del glutine, è bene rivolgersi ad un medico: solo lui sarà in grado di sciogliere qualsiasi dubbio.