Governo, Matteo Salvini e Luigi Di Maio discutono a distanza

Di Maio - Salvini

Il prossimo giornalista chieda a Di Maio: ‘Senti, ma tu sei disponibile, come ha fatto Salvini, a fare un passo indietro, pur di far partire il Governo? Se vi dirà di no è perché vuole fare il premier e allora non sa stare al mondo“.

Così il leader della Lega, Matteo Salvini, che si trova a Catania mentre a Roma si stanno svolgendo le consultazioni della Presidente del Senato, incaricata dal Capo dello Stato per tentare di formare un governo.

Dalla Casellati, invece, sono andati i capigruppo della Lega e Giancarlo Giorgetti ha detto: “Abbiamo ribadito che siamo pronti a un governo che è stato indicato dagli italiani“, ovvero con il centrodestra e il Movimento Cinque Stelle.

IL MOVIMENTO CINQUE STELLE

Luigi Di Maio, invece, ha fatto sapere di avere ribadito alla Casellati che “il M5S è pronto a sottoscrivere un contratto di governo solo con la Lega, e non con tutto il centrodestra“.

Di Maio ha anche sostenuto che il centrodestra è “un artefizio elettorale” e le consultazioni in atto dimostreranno che “l’idea di un governo di centrodestra è fallita”, rimarcando che “noi e la Lega siamo le uniche forze che non si pongono veti a vicenda“.

Infine, rivolgendosi a Salvini, il leader del M5S ha detto: “Di tempo non ce ne più, decida entro questa settimana. Il Paese non può più aspettare“.