Grande Fratello 15 e bullismo: gli sponsor si dissociano

Le rogne per il ‘Grande Fratello’ sembrano non finire. Dopo gli atti di bullismo e la rivolta dei social, arriva un altro fulmine (non proprio a ciel sereno) a turbare ulteriormente questa edizione del reality. Questa volta sono gli sponsor a far sentire la propria voce.

La colpa è sempre dell’atteggiamento adottato dagli inquilini nei confronti di Lady-Trash. La prima azienda a bacchettare il reality e a prendere una decisione drastica è stata l’azienda di cosmesi ‘Bellaoggi Italia’.

BELLAOGGI – si legge sulla pagina Facebook dell’azienda – si dissocia formalmente dagli atti e dai comportamenti da ultimo registrati nell’ambito dell’attuale XV edizione del Grande Fratello. Comprende profondamente la reazione dei suoi consumatori, fan e di ogni voce che si è sollevata sui social networks rispetto a tali ultimi accadimenti. In BELLAOGGI lavoriamo quotidianamente per proporre un mondo di bellezza, unico, concreto ed accessibile a tutti. Siamo convinti che la bellezza non potrà mai esistere accanto a nessuna forma di violenza o discriminazione. In segno di concreta dissociazione da questi eventi negativi, BELLAOGGI, con la massima attenzione e rispetto delle opinioni, comunica, con effetto immediato, la decisione di interrompere ogni attività di sponsorizzazione di questa edizione del Grande Fratello”.

Subito dopo è stata la volta di atri due sponsor che hanno, però, mantenuto una linea molto più morbida, ovvero si sono dissociati dall’accaduto, ma non hanno rinunciato alla loro fetta di visibilità all’interno del reality.

‘Aran Cucine’ ha scritto: “ARAN Cucine, condanna fermamente ogni forma di violenza e ogni atto di bullismo senza SE e senza MA. In quest’ottica abbiamo segnalato alla produzione del programma la necessità di richiamare i concorrenti ad un comportamento consono ai più basilari canoni di educazione e rispetto nei confronti di tutti senza alcuna esclusione”.

E poi c’è stato il Salumificio Fratelli Beretta che in un tweet ha ricordato che “il rispetto delle donne e il disprezzo per qualsiasi forma di violenza o bullismo sono valori fondamentali e imprescindibili dell’azienda che si dissocia dal comportamento e dall’atteggiamento di alcuni giovani durante la trasmissione”.