Grande Fratello 15: ecco quanto è costata la fuga degli sponsor

La fuga in massa dalla casa del ‘Grande Fratello’ da parte degli sponsor ha creato un buco tra i due e i tre milioni di euro. A fare i conti nelle tasche del reality, anche questa volta è stato ‘Dagospia’.
Il danno è stato provocato da 9 sponsor che hanno deciso di dissociare il proprio nome da quello del GF a causa dei ripetuti episodi di bullismo e sessismo.

A dare il la era stato il brand specializzato in cosmesi ‘Bella Oggi’ che aveva provveduto a far sparire i beauty case forniti alle ragazze. Poi è stata la volta di ‘Santa Croce’ che non ha più fornito l’acqua, ‘Screen HairCaire’ che ha portato via gli shampoo, ‘Nintendo’ che si è ripresa la consolle con cui i concorrenti ammazzavano il tempo, il brand ‘F**K’ che privato i ragazzi dei costumi da bagno. Poi tutti gli altri.

Tuttavia in una intervista a ‘TV Talk’ Barbara D’Urso ha minimizzato l’accaduto.

Sono piccoli sponsor di placement – ha dichiarato – che danno pochi soldini. È un po’ particolare il fatto che l’abbiano fatto e in altre edizioni sono successe cose molto più pesanti. C’è chi ha fatto l’elenco delle prestazioni sessuali nomi e cognomi, c’è chi ha parlato di omofobia, ci sono state squalifiche per bestemmie. In un reality recente della Cipriani hanno detto: ‘Questa donna deve essere eliminata fisicamente’”.

Ma ora che anche Luigi Favoloso è fuori dai giochi, la fuga potrebbe essersi finalmente arrestata.