Grande Fratello VIP, il marito di Fernanda Lessa contro Antonella Elia

Luca Zocchi su Instagram ha preso le difese della moglie.

Fuori i secondi. O, meglio, i mariti. Al Grande Fratello Vip tutti attaccano Fernanda Lessa per avere definito una delle concorrenti «una lesbica» con naturale scandalo?

E allora interviene da fuori dallo studio, anzi, direttamente da fuori dalla televisione, utilizzando i social network, a proteggere la sua bella, il marito Luca Zocchi, che senza pietà attacca un’altra concorrente. Vittima delle critiche di Zochi è Antonella Elia. E lo fa attraverso il suo profilo Instagram dove ha accusato la showgirl bionda di bullismo e di tanto altro.

Le parole utilizzate da Zocchi sono esattamente queste: «Ieri sera sono successe cose molto spiacevoli dette da parte della Elia nei tuoi confronti – rivolgendosi alla compagna (che ovviamente non può leggere le sue parole) – Minacce… Diceva di volerti picchiare…».

Poi, ha aggiunto: «Mi piacerebbe vedere la scena, almeno la abbassi di altri 20 centimetri. Una scena di bullismo puro in cui lei dichiarava alla Nunez e alla Volpe, che cercavano di difenderti, che devi rimanere sola, che vai lasciata sola, che vai esclusa dal gruppo, quindi bullismo puro. Una cosa schifosa! Il bullismo va combattuto ed è una cosa inammissibile». Parole dure di un uomo arrabbiato con una donna e che vuole difendere la sua di donna.

LEGGI ANCHE: Grande Fratello VIP, bufera contro Fernanda Lessa per una frase omofoba.

Intanto, dobbiamo capire cosa è successo. Durante la diretta dell’ultima puntata Alfonso Signorini ha coluto dsapere conto e ragione da Fernanda Lessa per avere definito ‘lesbica’ la concorrente Lucia Nunez, solo perché l’aveva nominata per farla uscire. Da qui una scusa puerile delle Lessa: »L’ho definita così, perché non riuscivo a ricordare il suo nome», come se il pubblico da casa fosse fesso.

Nulla di più facile per dare fuoco alle polveri di una fumantina Antonella Elia, che si è alzata e ha detto: «Sono schifata dall’ipocrisia e dal tentativo di girare le cose a suo favore. Non si sa comportare in mezzo agli altri. Non avrebbe mai dovuto identificare una sua amica con un appellativo sessuale».

Da qui la controreplica della Lessa, che sembra un’altra scusa da bambina: «Lesbica lo sono stata anche io, ho avuto delle donne». Praticamente una notizia. Che forse neanche suo marito conosceva. Ripreso il collegamento, la Elia ha ricominciato: «Schifata dall’ipocrisia. Non avrebbe mai dovuto identificare una donna con la quale divide la casa con il suo orientamento sessuale» e la Lessa: «Non sai un cazzo della mia vita, vai a cagare!». E ancora la Elia: «Con questa finisce male». La sfida è partita.

LEGGI ANCHE: Cosa succede al nostro corpo subito dopo la morte?